ELETTROCARDIOGRAMMA
A: tracciato normale dell'elettrocardiogramma. Si osservano alcune fasi caratteristiche che vengono denominate onda P, complesso QRS e onda T. In condizioni patologiche, l'andamento del tracciato risulta alterato e la sequenza delle onde non viene rispettata.
B: in particolare, nella tachicardia vi è un aumento del numero delle pulsazioni, che diventano più rapide e deboli (tratto a) e quindi si arrestano (tratto b).
C: nell'aritmia da fibrillazione, le onde ORS non sono equidistanti, come avviene in condizioni normali, e le onde P sono sostituite dal tratto a, che esprime la fibrillazione degli atri (contrazione non coordinata delle fibre muscolari cardiache).
D: nel blocco atrio-ventricolare si osserva una distribuzione irregolare di onde QRS e di onde P.
La frequenza cardiaca normale di un adulto a riposo vada 55 a 90 battiti al minuto. Nei bambini va da 75 a 110 battiti al minuto. Nei neonati va da 90 a 180 battiti al minuto.
altro