indice       <<<

\Imabari Città (123.000 ab.) del Giappone, nella prefettura di Ehime, sull'isola di Shikoku. 

\image maker, loc. sost. m. invar. L'esperto che cura l'immagine pubblica di un personaggio importante. 

\Images Film drammatico, americano/britannico (1972). Regia di Robert Altman. Interpreti: Susannah York, René Auberjonois, Marcel Bozzuffi. Titolo originale: Images 

\imago, o immago, sf. invar. 1 Termine usato nell'antichità e in poesia col significato di immagine. 2 In psicanalisi, rappresentazione immaginaria di una persona, in genere di un genitore, elaborata dall'inconscio di un bambino. 
  termine lat. che significa immagine. 

\imàm, o imàn, sm. invar. 1 Ciascuno dei sovrani che discendono da Alì per diritto divino. 2 Presso gli sciiti, califfo. 3 Chi nelle moschee dirige le preghiere rituali. 4 Chi nel mondo islamico eccelle in qualche ramo delle scienze e delle lettere. 

\Imamura, Shôhei (Tokyo 1926-Tokyo 2006) Regista cinematografico giapponese. Diresse film provocatori e distaccatamente attenti al comportamento sociale giapponese, quali Porci, marinai e geishe (1961), Il profondo desiderio degli dei (1968) e La ballata di Narayama (1983). 

\Imandra Lago (880 km2) della Russia, di origine glaciale, alla base della penisola di Kola. 

\imatio, sm. invar. Ampio mantello che costituiva il vestito nazionale sia dagli uomini che dalle donne dell'antica Grecia. 

\Imbabura Provincia (265.000 ab.) dell'Ecuador, capoluogo Ibarra. 

\imbacuccàre, v. v. tr. Coprire il capo e la persona con indumenti ampi o pesanti. ~ infagottare. <> scoprire. 
v. rifl. Infagottarsi. ~ intabarrarsi. 
  v. tr. to wrap up. v. rifl. to wrap up, to muffle oneself up. 
  da in-+ deriv. da bacucco. 

\imbacuccàto, agg. Intabarrato. ~ infagottato. 

\imbaldanzìre, v. v. tr. Rendere baldanzoso; incoraggiare. ~ ringalluzzire. <> deprimere. 
v. intr. e intr. pron. Diventare baldanzoso. ~ ringalluzzirsi. <> scoraggiarsi. 

\imballàggio, sm. 1 L'imballare una merce e l'effetto. 2 Ciò che serve a imballare una merce. ~ imballo, confezione. 3 Modo in cui una merce viene imballata. 4 Costo del contenitore usato per l'imballaggio e la spedizione. 5 Procedimento con cui si formano le balle di fibre. 
  sm. wrapping, packing. 
  franc. emballage. 

\imballàre, v. v. tr. 1 Ridurre o confezionare in balle. 2 Sistemare la merce in modo che si possa trasportare senza danni; confezionare. ~ impacchettare. <> sballare. 3 Portare un'automobile a un numero di giri troppo elevato causando una perdita di potenza. 
v. intr. pron. 1 Di motore a scoppio, perdere potenza in seguito a un aumento eccessivo del numero di giri. 2 Di atleta, perdere agilità in seguito a uno sforzo eccessivo. 
  v. tr. 1 to wrap up, to pack. 2 (aut., fuori giri) to race. v. intr. pron. to race. 

\imballàto, agg. 1 Confezionato con imballaggio. 2 Di motore a scoppio, sottoposto a un'eccessiva accelerazione. 

\imballatóre, sm. (f.-trìce) Chi imballa le merci per mestiere. 

\imballatrìce, sf. 1 Macchina agricola usata per comprimere il foraggio e legarlo in balle. ~ passaforaggio. 2 Macchina utilizzata per l'imballaggio delle merci. 

\imbàllo, sm. Imballaggio. 

\imbalsamàre, v. tr. Preparare un cadavere in modo da preservarlo dalla decomposizione. ~ mummificare. 
  v. tr. 1 to embalm. 2 (animale) to stuff. 

\imbalsamatóre, sm. (f.-trìce) Chi imbalsama. 

\imbalsamazióne, sf. L'imbalsamare. 
Trattamento del corpo di uomini o animali, con sostanze speciali, al fine d'impedire o ritardare i naturali processi di decomposizione di organi e tessuti. Conosciuta e largamente praticata fin dall'antichità, raggiunse la massima diffusione in Egitto con la mummificazione dei cadaveri dei faraoni. Per l'imbalsamazione vengono usati vari procedimenti, quali l'impiego di sostanze balsamiche, iniezioni di sublimato, arsenico, formalina, la pietrificazione per immersione in sorgenti calcaree o l'imparaffinatura. 

\imbambolàre, v. intr. e intr. pron. Degli occhi, inumidirsi di lacrime. 

\imbambolàrsi, v. intr. pron. Perdersi con lo sguardo nel vuoto; essere assorto. 
  da in-+ deriv. da bambolo. 

\imbambolàto, agg. Privo di espressione, assorto. ~ trasognato. <> vigile. 
  agg. blank, vacant. 

\imbandieraménto, sm. 1 L'imbandierare e l'effetto. 2 L'insieme delle bandiere esposte. 

\imbandieràre, v. v. tr. Ornare con bandiere. 
v. intr. pron. Ornarsi con bandiere. 
  da in-+ deriv. da bandiera. 

\imbandigióne, sf. 1 L'imbandire. 2 Le vivande imbandite. 

\imbandìre, v. tr. 1 Disporre le vivande sulla mensa in modo sontuoso. ~ apparecchiare. <> sparecchiare, spreparare. 2 Preparare e offrire qualcosa. ~ ammannire. 
  v. tr. (pranzo) to prepare a lavish meal. 
  da in-+ bandire. 

\imbandìto, agg. Preparato con sfarzo. 

\imbarazzaménto, sm. Imbarazzo. 

\imbarazzànte, agg. Che mette in imbarazzo. ~ delicato, spinoso. 

\imbarazzàre, v. v. tr. 1 Dare impaccio, disturbo; ingombrare, impacciare, intralciare. ~ ostacolare. <> sgombrare. 2 Mettere in imbarazzo; emozionare, confondere. ~ turbare. <> agevolare. 
v. intr. pron. 1 Sentirsi in imbarazzo. ~ confondersi. 2 Impacciarsi. 
  v. tr. 1 to embarrass. 2 (ostacolare) to hamper. 
  spagn. embarazar. 

\imbarazzataménte, avv. In modo imbarazzato; con imbarazzo. 

\imbarazzàto, agg. 1 Messo in imbarazzo; turbato. ~ confuso. 2 Impacciato. ~ impedito. <> disinvolto, sciolto. 3 Di stomaco, appesantito. 

\imbaràzzo, sm. 1 Ostacolo, impaccio. ~ impedimento. i pantaloni lunghi le erano di imbarazzo nei movimenti. 2 Turbamento. ~ disagio. <> disinvoltura. : :i sentiva in imbarazzo di fronte a quei luminari. 3 Perplessità, incertezza, turbamento. ~ indecisione. 4 Di stomaco, pesantezza 
  sm. 1 embarrassment. 2 (stomaco) indigestion. 3 (perplessità) puzzlement. 
  spagn. embarazo

\imbarbariménto, sm. L'imbarbarire e l'imbarbarirsi. 

\imbarbarìre, v. v. tr. Rendere barbaro. ~ abbrutire. <> incivilire. 
v. intr. e intr. pron. Diventare barbaro. ~ decadere. <> progredire. 

\imbarbogìre, v. intr. e intr. pron. Diventare rimbambiti per l'età. 

\imbarcadèro, sm. Pontile, banchina, molo a cui si attraccano le navi per l'imbarco e lo sbarco dei passeggeri. ~ molo. 
  sm. wharf, pier, landing stage. 

\imbarcaménto, sm. 1 Fenomeno di deformazione per cui assi, tavole di legno o altro si incurvano. 2 Imbarco. 

\imbarcàre, v. v. tr. 1 Far salire passeggeri o merci su una barca o su una nave. ~ caricare. <> sbarcare. 2 Far salire passeggeri o merci su un mezzo di trasporto. ~ stivare. <> scaricare. 3 Mettere qualcuno in un'impresa difficile, rischiosa o impegnativa. ~ coinvolgere. fu imbarcato in una situazione difficile. 4 Trovare un partner momentaneo. ~ rimorchiare. 
v. intr. pron. Di assi e tavole, incurvarsi. il tavolo si è imbarcato in seguito all'umidità
v. rifl. 1 Salire su un'imbarcazione. si è imbarcato oggi alla volta degli Stati Uniti. 2 Mettersi in un'impresa difficile, rischiosa o impegnativa. ~ intraprendere. non voleva imbarcarsi in imprese impossibili. 3 Buttarsi, ficcarsi. ~ impelagarsi. <> disimpegnarsi. 
  v. tr. 1 to take on board. 2 (merci) to load. v. intr. pron. to embark. v. rifl. to board. 
  da in-+ deriv. da barca

\imbarcàta, sf. 1 Passaggio di un aereo dalla posizione di picchiata a quella di volo rovesciato. 2 Cotta. ~ sbandata, innamoramento. 
  deriv. da imbarcare

\imbarcàto, agg. Nella locuzione aeroplano imbarcato che indica un aereo che assume l'aspetto della gran volta rovesciata quando supera la picchiata verticale. 

\imbarcatóio, sm. Pontile d'imbarco. ~ imbarcadero. 

\imbarcazióne, sf. Nome generico con cui si indicano i natanti di piccole dimensioni; battello, nave, galleggiante. ~ barca. 
  sf. 1 boat. 2 (di salvataggio) lifeboat. 
  spagn. embarcacion. 

\imbàrco, sm. (pl.-chi) 1 L'imbarcare, l'imbarcarsi. 2 Entrata in servizio a bordo come membro dell'equipaggio. 3 Partecipazione a un'impresa rischiosa o difficile. 4 Luogo della banchina dove si imbarca. 5 Imbarcazione, nave. ~ barca. 6 Passaggio a bordo di un veicolo. 7 Innamoramento. 
  sm. 1 embarkation. 2 (merci) loading. 
  deriv. da imbarcare. 

\imbardàre, v. v. tr. Mettere la barda ai cavalli. 
v. rifl. Innamorarsi. ~ invaghirsi. 

\imbardàta, sf. Rotazione di un aereo attorno al proprio asse verticale. 

\imbarilàre, v. tr. Mettere qualcosa in barili. 

\imbastardiménto, sm. L'imbastardire e l'imbastardirsi. 

\imbastardìre, v. v. tr. 1 Far diventare bastardo; adulterare, alterare. ~ falsificare. <> epurare. imbastardire una razza mediante continui incroci. 2 Guastare. ~ corrompere. 
v. intr. e intr. pron. 1 Perdere i caratteri originari. i linguaggi possono imbastardirsi. 2 Degenerare. ~ tralignare. 
  da in-+ deriv. da bastardo

\imbastìre, v. tr. 1 Cucire le parte di un indumento in modo sommario così da tenerle unite prima della cucitura definitiva. 2 Delineare sommariamente. ~ abbozzare. <> perfezionare. 3 Mettere insieme in modo provvisorio le parti di una costruzione. 4 Disporre il pelo attorno al tamburo dell'imbastitrice nella lavorazione del feltro. 
  v. tr. 1 to tack, to baste. 2 (abbozzare) to outline, to sketch. 3 (improvvisare) to improvise. 
  da in-+ deriv. da basta. 

\imbastìto, agg. Nel gergo sportivo, atleta in difficoltà. 

\imbastitrìce, sf. 1 Macchina utilizzata per imbastire. 2 Macchina per imbastire il pelo nella lavorazione del feltro. 

\imbastitùra, sf. 1 L'imbastire. 2 I punti con cui si è imbastito qualcosa. ~ cucitura. 3 Traccia. ~ abbozzo. 4 In gergo sportivo, sfinimento che colpisce un atleta. 5 Collegamento provvisorio di elementi meccanici. 

\imbàttersi, v. intr. pron. 1 Incontrare per caso. ~ incappare. 2 Avere in sorte. ~ capitare. 3 Scontrarsi per caso. ~ urtare. 
  v. intr. pron. 1 to run into. 2 (incontrare) to bump into. 

\imbattìbile, agg. Che non si può battere; che non può essere battuto. ~ invincibile. <> superabile. 
  agg. unbeatable, invincible. 
  da in-+ battibile. 

\imbattibilità, sf. L'essere imbattibile; la condizione di chi è imbattuto. 

\imbattùto, agg. Che non è mai stato battuto. ~ indomito. 

\imbaulàre, v. tr. Deporre oggetti in un baule. 

\imbavagliaménto, sm. L'imbavagliare, l'essere imbavagliato. 

\imbavagliàre, v. tr. 1 Legare con un bavaglio. ~ far tacere, ridurre al silenzio. 2 Impedire che qualcuno parli liberamente. ~ censurare. 
  v. tr. to gag. 

\imbavàre, v. v. tr. Imbrattare di bava. 
v. rifl. Imbrattarsi di bava. 

\imbeccàre, v. tr. 1 Mettere il cibo nel becco degli uccelli per nutrirli. ~ imboccare. 2 Suggerire ciò che si deve dire o come ci si deve comportare. ~ consigliare. 
  da in-+ deriv. da becco. 

\imbeccàta, sf. 1 Il cibo imbeccato in una sola volta. 2 Istruzione data a qualcuno su ciò che deve fare. ~ suggerimento. 
  sf. 1 beakful. 2 (fig.) prompt, prompting. 

\imbeccatóio, sm. Recipiente che contiene il becchime nelle gabbie e nei pollai. 

\imbecillàggine, sf. 1 Carattere di ciò che è imbecille, sciocco. ~ stupidità. 2 Azione o espressione da imbecille. 

\imbecìlle, agg., sm. e sf. 1 Debole di mente. ~ balordo. 2 Che, chi ha poca intelligenza; sciocco. ~ stupido. <> perspicace. 
  agg. idiotic. sm. e sf. idiot, imbecile. 
  lat. imbecillis senza forza. 

\imbecillìre, v. v. tr. Rendere imbecille. 
v. intr. Diventare imbecille. ~ rimbecillire. 

\imbecillità, sf. 1 Insufficiente sviluppo dell'intelligenza; idiozia. ~ demenza. <> intelligenza. 2 L'essere imbecille. ~ stoltezza. <> accortezza. 3 Atto o detto da imbecille. ~ scemenza. <> arguzia. 
  lat. imbecillitas,-atis. 

\imbèlle, agg. 1 Non atto alla guerra. ~ pavido. <> coraggioso. 2 Fiacco, debole. ~ vile. <> ardito. 

\imbellettàre, v. v. tr. 1 Dare il belletto. ~ truccare. <> struccare. 2 Adornare con artifici. ~ infiorettare. 
v. rifl. 1 Darsi il belletto. ~ truccarsi. 2 Far mostra di qualità che non si possiedono. 

\imbellettàto, agg. Coperto di belletto. ~ truccato. 

\imbellìre, v. v. tr. Rendere bello. 
v. intr. Divenire più bello. ~ migliorare. <> imbruttire. 
v. rifl. Farsi bello. ~ ornarsi. 
  v. tr. to embellish, to adorn. v. intr. to grow more beautiful. 

\imbèrbe, agg. 1 Che non ha ancora la barba. ~ glabro, liscio. <> barbuto, lanoso. 2 Chi è ancora immaturo. ~ inesperto. <> competente. 3 Che non porta la barba. ~ sbarbato. <> peloso. 
  agg. beardless. 

\imberrettàre, v. v. tr. Mettere un berretto. 
v. rifl. Coprirsi col berretto. 

\Imbersàgo Comune in provincia di Lecco (1.756 ab., CAP 22050, TEL. 039). 

\imbestialìre, v. v. tr. Fare arrabbiare molto. ~ irritare. 
v. intr. e intr. pron. Lasciarsi trascinare dalla collera. ~ adirarsi. 

\imbestialìrsi, v. intr. e intr. pron. Andare in collera, andare su tutte le furie, adirarsi. ~ infuriarsi. <> calmarsi. 
  da in-+ deriv. da bestiale. 

\imbestiàre, v. v. tr. 1 Trasformare in bestia. 2 Rendere privo di raziocinio come una bestia. 
v. rifl. 1 Trasformarsi in bestia. 2 Inselvatichirsi. 

\imbévere, v. v. tr. 1 Impregnare di liquido. ~ inzuppare. 2 Assorbire un liquido. ~ impregnare. <> sgocciolare. 
v. intr. pron. 1 Saturarsi, impregnarsi. ~ inzupparsi. 2 Far proprio un concetto o un'idea. ~ accogliere. 
  v. tr. to soak. v. rifl. to soak up. 

\imbiaccàre, v. v. tr. 1 Tingere di biacca. 2 Truccare pesantemente. ~ imbellettare. 
v. rifl. 1 Tingersi di biacca. 2 Truccarsi in modo pesante. ~ imbellettarsi. 

\imbiancaménto, sm. L'imbiancare, l'imbiancarsi, l'essere imbiancato. 

\imbiancàre, v. v. tr. 1 Rendere bianco. ~ sbiancare. 2 Tingere di bianco. ~ dipingere, pitturare. 3 Sottoporre a processi di sbiancatura. ~ candeggiare. 
v. intr. pron. 1 Di cielo, albeggiare. ~ rischiararsi. <> annuvolarsi. 2 Di barba e capelli, diventare bianchi. ~ incanutirsi. 3 Impallidire. ~ sbiancare. 
  v. tr. 1 to whiten. 2 (tingere) to whitewash. 3 (con pittura) to paint. v. intr. to become white. 
  da in-+ deriv. da bianco. 

\imbiancatùra, sf. 1 L'imbiancare, l'imbiancarsi, l'essere imbiancato. 2 Tinteggiatura delle pareti di una stanza. 

\imbianchiménto, sm. 1 Azione ed effetto dell'imbianchire. 2 Complesso delle operazioni di decolorazione. 3 Pratica consistente nella copertura degli ortaggi con terra, carta o altro per renderne più chiare e tenere alcune parti. 

\imbianchìno, sm. Chi imbianca o dà la tinta ai muri per mestiere. ~ pittore. 
  sm. decorator, painter. 
  deriv. da imbiancare. 

\imbianchìre, v. v. tr. 1 Imbiancare. 2 Sbiancare. 3 Decolorare. 
v. intr. 1 Diventare bianco. ~ imbiancarsi. 2 Di barba e capelli. ~ incanutire. 

\imbibènte, agg. e sm. Di sostanza capace di ridurre la tensione superficiale dei liquidi o delle soluzioni in modo da favorirne la penetrazione nei materiali solidi. 

\imbibìre, v. tr. Imbevere. 

\imbibizióne, sf. L'assorbimento dei liquidi da parte dei corpi solidi. 

\imbiellàggio, sm. 1 Nei motori policilindrici, accoppiamento di più bielle a un solo bottone di manovella. 2 Montaggio e aggiustaggio delle bielle di un motore endotermico o di una motrice a vapore. 

\imbietolìre, v. intr. 1 Diventare stupido, sciocco. ~ rincretinire. 2 Commuoversi per motivi sciocchi. 

\imbiettàre, v. tr. Collegare organi rotanti di macchine per mezzo di una o più bielle. 

\imbiondìre, v. v. tr. Far biondo. 
v. intr. e intr. pron. Divenire biondo. ~ schiarire, decolorare. <> scurire, tingere. 
  v. tr. to brown. 

\imbirbonìre, v. v. tr. Far divenire birbone. 
v. intr. Diventare birbone. 

\imbitumàre, v. tr. Spalmare o coprire di bitume. 

\imbizzarrìre, v. v. tr. Rendere irrequieto. ~ irritare. 
v. intr. e intr. pron. 1 Di cavallo, diventare bizzarro. 2 Manifestare irrequietezza. 3 Adirarsi. ~ imbestialirsi. <> ammansirsi. 
  v. intr. pron. to become frisky. 
  da in-+ deriv. da bizzarro. 

\imboccaménto, sm. 1 L'imboccare, il mettere il cibo in bocca. 2 Ingranaggio di due elementi. ~ incastro. 

\imboccàre, v. v. tr. 1 Mettere il cibo in bocca a qualcuno. ~ nutrire. 2 Suggerire a qualcuno cosa si deve dire o cosa si deve fare. ~ imbeccare. 3 Di strumento a fiato, portarlo alla bocca per suonarlo. imboccare la tromba. 4 Entrare in un luogo che si debba poi percorrere. ~ inoltrarsi. <> uscire. 5 Intraprendere. ~ avviare. 
v. intr. Entrare, sfociare. ~ sboccare. quella via imbocca infine nella piazza principale. 2 Di congegno, incastrarsi. ~ adattarsi. 
  1 to feed. 2 (entrare) to enter, to turn into. v. intr. to lead into. 
  da in-+ deriv. da bocca

\imboccatùra, sf. 1 L'imboccare. 2 Apertura per la quale si entra in qualche luogo. ~ ingresso. <> uscita, sbocco. l'imboccatura della via era stata ostruita dalla frana. 3 Parte di uno strumento a fiato a cui si applica la bocca per suonarlo. ~ bocchino. 4 Modo in cui si imbocca uno strumento a fiato per suonarlo. 5 La parte di un oggetto in cui si inserisce qualcosa. 6 Bocca. ~ fauci. 7 Inizio. 8 La parte del morso che si mette nella bocca del cavallo. 
  sf. 1 opening, mouth. 2 (strada) entrance. 
  deriv. da imboccare

\imbócco, sm. (pl.-chi) Accesso, ingresso. ~ entrata. 
  sm. entrance. 

\imbolàre, v. v. tr. Rubare abilmente. 
v. rifl. Svignarsela. ~ dileguarsi. 

\imbolsiménto, sm. L'imbolsire. 

\imbolsìre, v. intr. e intr. pron. 1 Diventare bolso. 2 Perdere vitalità, infiacchirsi. ~ impigrirsi. 3 Ingrassare. ~ appesantirsi. 

\Imbonàti, Càrlo (Milano 1753-Parigi 1805) Convivente di Giulia Beccaria, madre del Manzoni. 

\Imbonàti, Giusèppe Marìa (Milano 1688-1768) Mecenate. Restaurò l'Accademia dei Trasformati. 

\imboniménto, sm. 1 Il discorso dell'imbonitore. 2 Qualsiasi elogio eccessivo e interessato. 

\imbonìre, v. tr. Tentare di convincere della buona qualità di quanto si vende, si offre o del valore di qualcosa; sedurre. ~ accattivarsi. 

\imbonitóre, sm. (f.-trìce) Chi imbonisce. 

\imborghesiménto, sm. L'imborghesire, l'imborghesirsi. 

\imborghesìre, v. v. tr. Rendere borghese. 
v. intr. e intr. pron. Acquistare modi, gusti e consuetudini borghesi. con gli si tende a imborghesirsi
  da in-+ deriv. da borghese

\imborghesìto, agg. 1 Che ha assunto le abitudini di vita della borghesia. 2 Che si è adagiato nelle comodità. ~ impigrito. 

\imborsàre, v. tr. 1 Mettere in borsa. 2 Avere in sé. 3 In diritto, mettere in un'urna delle schede al fine di effettuare un'estrazione. 

\imboscaménto, sm. 1 L'imboscare, l'imboscarsi e l'effetto. 2 Periodo in cui il baco da seta sale verso i sostegni dei rami per filare il bozzolo. 

\imboscàre, v. v. tr. 1 Nascondere in un bosco. ~ occultare. <> mostrare, esibire. 2 Sottrarre al servizio militare, alla polizia. aveva imboscato un malvivente. 2 Accumulare, ammassare. ~ accaparrare. <> esporre. 
v. rifl. 1 Nascondersi in un bosco. ~ celarsi. <> mostrarsi. 2 Mettersi in agguato, tendere un'imboscata. 3 Sottrarsi al servizio militare o riuscire a evitare i compiti più rischiosi e impegnativi durante il servizio militare. si era imboscato durante la guerra. 4 Nascondersi in modo da evitare di affrontare situazioni o doveri. cercava di imboscarsi in qualche sede periferica della società per cui lavorava
  v. tr. to hide. v. rifl. (sottrarsi al servizio militare) to evade military service. 
  da in-+ deriv. da bosco

\imboscàta, sf. 1 Agguato, tranello. ~ trappola. 2 Insidia. ~ inganno. 
  sf. ambush. 

\Imboscata, L' Film d'avventura, americano (1950). Regia di Sam Wood. Interpreti: Robert Taylor, Arlene Dahl, John Hodiak. Titolo originale: Ambush 

\imboscàto, agg. e sm. Che, chi si sottrae agli obblighi militari. 
  sm. draft-dodger. 

\imboschiménto, sm. L'imboschire, l'imboschirsi e l'effetto. 

\imboschìre, v. v. tr. Coprire di bosco, trasformare in bosco. <> diboscare. 
v. intr. e intr. pron. 1 Coprirsi di bosco. ~ rinverdirsi. 2 Di persona, inselvatichire. ~ imbruttirsi. 
  da in-+ deriv. da bosco. 

\imbottàre, v. tr. Mettere nella botte. 

\imbottavìno, sm. (pl.-i) Grande imbuto per versare il vino delle botti. 

\imbótte, sf. La superficie interna di un arco o di una volta. ~ intradosso. 

\imbottigliaménto, sm. 1 L'imbottigliare e l'imbottigliarsi. 2 Lo stiparsi di molti veicoli in un luogo stretto in modo da bloccarsi reciprocamente. ~ ingorgo. <> sblocco. 

\imbottigliàre, v. v. tr. 1 Mettere in bottiglia. 2 Nel linguaggio militare, chiudere ogni via di uscita al nemico. 3 Bloccare in un luogo chiuso chiudendo le vie di accesso. 
v. intr. pron. Di veicoli, rimanere imbottigliati. 
  v. tr. 1 to bottle. 2 (mil.) to hem in. v. intr. pron. to be stuck in a traffic jam. 
  da in-+ deriv. da bottiglia. 

\imbottigliàto, agg. 1 Messo in bottiglia. 2 Chiuso in uno spazio così ristretto da non potersi muovere. ~ impedito. 
  agg. 1 bottled. 2 (fig., automezzi) stuck in a traffic jam. 

\imbottigliatrìce, sf. Macchina per imbottigliare il vino o altro liquido. 

\imbottinàre, v. tr. Concimare con bottino. 

\imbottìre, v. v. tr. 1 Riempire di materiale soffice indumenti o oggetti. <> svuotare. doveva fare imbottire nuovamente il divano. 2 Farcire. ~ infarcire. <> vuotare, svuotare. 3 Saturare, rimpinzare. ~ ricolmare. 
v. rifl. 1 Riempirsi. ~ colmarsi. si imbottisce di antibiotici e poi sta male come al solito. 2 Rimpinzarsi. ~ ingozzarsi. 3 Coprirsi con indumenti pesanti. ~ imbacuccarsi, infagottarsi. <> scoprirsi, alleggerirsi. 
  v. tr. 1 to stuff. 2 (vestito) to pad. 
  da in-+ deriv. da botte, riempire come una botte. 

\imbottìta, sf. Coperta da letto pesante imbottita. ~ trapunta. 
  sf. quilt. 

\imbottìto, agg. Fornito di imbottitura. 
  agg. 1 stuffed. 2 (alimento) filled. 

\imbottitùra, sf. 1 L'imbottire. 2 Ciò con cui si imbottisce. 
  sf. 1 stuffing. 2 (vestiti) padding. 

\imbozzacchìre, v. intr. 1 Delle susine, divenire bozzacchio. 2 Crescere con sforzo. ~ isterilire. 

\imbozzimàre, v. tr. 1 In agricoltura, praticare l'imbozzimatura delle piante prima di metterle a dimora. 2 Nell'industria tessile, realizzare l'imbozzimatura dei filati. 

\imbozzimatrìce, sf. Macchina per effettuare l'imbozzimatura dei filati. 

\imbozzimatùra, sf. 1 In agricoltura, immersione dell'apparato radicale di piante giovani in una miscela di argilla e sterco bovino stemperati in acqua detta bozzima. ~ incamiciatura. 2 Nell'industria tessile, l'impregnare il filato con una bozzima per renderlo liscio e più resistente. 

\imbozzolàre, v. v. intr. Il fabbricare il bozzolo da parte dei bachi da seta. 
v. rifl. 2 Dei bachi, chiudersi nel bozzolo. 2 Chiudersi come dentro a un bozzolo. 

\imbràca, sf. 1 Parte del finimento delle bestie da tiro che serve a trattenere il veicolo nelle discese costituita da una striscia di cuoio. 2 Cinghia di sicurezza che sostiene chi lavora sospeso nel vuoto. 3 Pezza per neonati. 4 Cinghia, catena o altro serva a sollevare carichi pesanti. 

\imbracàre, v. tr. Cingere una cosa con l'imbraca per poi sollevarla e spostarla. 
  da in-+ deriv. da braca. 

\imbracatùra, sf. 1 L'imbracare e l'effetto. 2 Le cinghie o il cuoio con cui si imbraca. 

\imbracciàre, v. tr. 1 Infilare qualcosa al braccio. 2 Adattare il braccio a qualcosa. 
  v. tr. to shoulder. 

\imbracciatùra, sf. 1 L'imbracciare. 2 Il modo in cui si imbraccia. 3 La parte che serve per imbracciare. 

\imbrachettàre, v. tr. In legatoria, montare su strisce di carta ripiegata o di tela tavole fuori testo o fogli staccati di un volume. 

\imbranatàggine, sf. L'essere imbranato. 

\imbranàto, agg. e sm. Di persona, goffo, impacciato, inesperto. ~ maldestro. <> spigliato. 
  agg. (maldestro) awkward, clumsy. 

\imbrancàre, v. v. tr. 1 Mettere nel branco; unire al branco. 2 Mettere insieme più persone. ~ riunire. 
v. rifl. 1 Entrare nel branco. 2 Unirsi in gruppo. ~ aggregarsi. 

\imbrattacàrte, sm. e sf. invar. Scrittore di nessun valore. ~ scribacchino. 

\imbrattaménto, sm. L'imbrattare, l'imbrattarsi. 

\imbrattamùri, sm. e sf. invar. Affrescatore di nessun valore. 

\imbrattàre, v. v. tr. 1 Insudiciare, impiastrare, inzaccherare. ~ sporcare. <> detergere. 2 Dipingere o scrivere male. 3 Disonorare. ~ macchiare. <> smacchiare. 
v. rifl. Sporcarsi, insozzarsi. ~ insudiciarsi. 
  v. tr. to daub, to dirty. 

\imbrattatéle, sm. e sf. invar. Pittore di poco valore. ~ pittorucolo. 

\imbrecciàre, v. tr. Spargere la breccia sulla strada. ~ inghiaiare. 

\imbrecciàta, sf. Strato di ghiaia grossa con cui si ricopre il fondo di strade da pavimentare o di strade campestri. 

\imbrecciatùra, sf. Preparazione del fondo stradale prima della pavimentazione con uno strato di ghiaia grossa. 

\Imbriàni, Pàolo Emìlio (Napoli 1807-1877) Patriota. Nel 1848 fu ministro della pubblica istruzione delle province napoletane e dal 1861 ricoprì la stessa carica nel regno. 

\Imbriàni, Vittòrio (Napoli 1840-1886) Scrittore. Tra le opere Dio ne scampi dagli Orsenigo (1876) e Fame usurpate (1877). 

\imbrìfero, agg. Che raccoglie le acque piovane. 

\imbrigliaménto, sm. L'imbrigliare e l'essere imbrigliato. 

\imbrigliàre, v. v. tr. 1 Mettere le briglie. ~ imbracare. <> sciogliere. 2 Frenare o contenere qualcosa con delle briglie. ~ imbracare. <> liberare. 3 Consolidare il terreno per impedire le frane. 4 Regolare il flusso delle acque dei corsi d'acqua. 5 Tenere a freno. ~ limitare. <> svincolare. 
v. intr. pron. 1 Impigliarsi le gambe nelle briglie del cavallo. 2 Imbrogliarsi. ~ confondersi. 3 Restare legato. ~ impigliarsi. 
  v. tr. to bridle. 
  da in-+ deriv. da briglia. 

\imbrigliatùra, sf. 1 Applicazione delle briglie. 2 Insieme delle briglie e dei finimenti di un animale. 3 Insieme delle opere che servono per regolare il corso di fiumi e correnti, per impedire le frane ecc. 

\imbrillantinàre, v. v. tr. Ungere i capelli di brillantina. 
v. rifl. Ungersi i capelli con la brillantina. ~ impomatarsi. 

\imbroccàre, v. tr. 1 Cogliere nel mezzo del bersaglio. ~ centrare. <> mancare, fallire. 2 Azzeccare. ~ indovinare. <> sbagliare. 3 Entrare in un luogo, in una via. ~ imboccare. 
  v. tr. 1 to hit. 2 (azzeccare) to guess. 

\imbrodàre, v. tr. Usato solo nel proverbio chi si loda si imbroda che significa che chi si vanta troppo non fa bella figura. 

\imbrodolàre, v. v. tr. Macchiare di brodo; sporcare. ~ insudiciare. 
v. rifl. 1 Sporcarsi di brodo. ~ macchiarsi. 2 Restare coinvolto. ~ compromettersi. 

\imbrogliàre, v. v. tr. 1 Mescolare disordinatamente, ingarbugliare, aggrovigliare, intricare. ~ arruffare. <> districare. 2 Intralciare, complicare. ~ ostacolare. aveva imbrogliato le carte per impedire che qualcuno potesse trovarvi le informazioni cercate. 3 Raggirare, beffare, truffare, abbindolare. ~ frodare. ~ ingannare. è un negoziante che ha la tendenza a imbrogliare i clienti. 4 Confondere. ~ disorientare. <> illuminare. 5 Chiudere rapidamente le vele per sottrarle all'azione del vento. 
v. intr. pron. 1 Mescolarsi disordinatamente. ~ aggrovigliarsi. 2 Confondersi. ~ sbagliarsi. 3 Complicarsi, peggiorare. ~ aggravarsi. la situazione si imbrogliava sempre più
  v. tr. 1 to cheat, to mix up. 3 (ingarbugliare) to tangle up. 4 (confondere) to confuse. v. intr. pron. to get tangled. 
  da in-+ brogliare

\imbrogliàto, agg. Confuso, complicato, ingarbugliato. ~ intricato. 

\imbròglio, sm. 1 Cosa arruffata, confusa; intrico, viluppo. ~ groviglio. 2 Inganno, truffa, frode. ~ raggiro. 3 Faccenda confusa, complicazione, inghippo. ~ pasticcio. 4 Trucco. ~ falsità. 5 Corde per avviluppare le vele. 
  sm. 1 cheat. 2 (groviglio) tangle. 3 (impiccio) mess. 4 (truffa) swindle. 
  deriv. da imbrogliare. 

\imbroglióne, agg. e sm. (f.-a) Che, chi imbroglia gli altri. ~ truffatore. <> galantuomo. 
  sm. swindler, cheat. 

\imbronciàre, v. intr. e intr. pron. Mettere il broncio, immusonirsi. ~ corrucciarsi. <> rasserenarsi. 
  v. intr. to sulk. 

\imbronciàrsi, v. intr. pron. Mostrare dispetto e corruccio, fare il broncio. 

\imbronciàto, agg. 1 Che ha il broncio, accigliato. ~ corrucciato. 2 Cielo o tempo nuvoloso. 
  agg. sulky. 

\imbrunàre, v. v. tr. Rendere bruno. 
v. intr. e intr. pron. Diventare bruno. 

\imbruniménto, sm. Malattia delle piante forestali o da frutto provocata da microscopici Funghi parassiti. 

\imbrunìre, sm. e v. v. tr. 1 Rendere bruno, scuro. <> rischiarare. 2 Brunire. ~ annottare. <> albeggiare. 
v. intr. Diventare bruno, scuro. 
v. intr. pron. Diventare scuro, farsi bruno, farsi sera. 
sm. La sera tardi. ~ crepuscolo. 
  v. intr. to grow dark. sm. dusk, nightfall. 

\imbrutiménto, sm. Abbrutimento. 

\imbrutìre, v. intr. e intr. pron. Divenire simile a un bruto. 

\imbruttiménto, sm. L'imbruttire, l'imbruttirsi. 

\imbruttìre, v. v. tr. Rendere o far sembrare brutto. 
v. intr. e intr. pron. Diventare brutto. 
  v. tr. to make ugly. v. intr. to become ugly. 

\imbubbolàre, v. tr. Ingannare usando bubbole, menzogne. ~ imbrogliare. 

\imbucàre, v. v. tr. 1 Mettere nella buca delle lettere. ~ impostare. 2 Mettere o infilare in un buco, in una buca. 3 Riporre, nascondere. ~ occultare. non capiva dove poteva aver imbucato quel libro
v. rifl. 1 Cacciarsi in un buco. 2 Introdursi in una festa senza invito. 3 Nascondersi. ~ celarsi. 
  v. tr. to post. 
  da in-+ deriv. da buco

\imbucàto, agg. 1 Messo nella buca delle lettere. ~ spedito. 2 Messo o infilato in un buco. 3 Nascosto. ~ riposto. 

\imbudellàre, v. tr. Insaccare la carne tritata per fare i salumi. 

\imbufalìrsi, v. intr. e intr. pron. Andare su tutte le furie. ~ imbestialirsi. 

\imbullettàre, v. tr. 1 Fermare con bullette. 2 Munire di bullette. 

\imbullonàre, v. tr. Fermare, fissare con bulloni. 

\imburràre, v. tr. Spalmare di burro. 
  v. tr. to butter. 
  da in-+ deriv. da burro. 

\imbussolàre, v. tr. Mettere nel bossolo. 

\imbustàre, v. tr. 1 Chiudere in una busta. 2 Confezionare in buste. 

\imbustatrìce, sf. Macchina automatica per imbustare la corrispondenza o per confezionare in buste. 

\imbutifórme, agg. A forma di imbuto. 

\imbutìre, v. tr. Eseguire l'imbutitura. 

\imbutitùra, sf. Lavorazione a freddo di lastre metalliche molto duttili per ottenere pezzi cavi. 

\imbùto, sm. Arnese a forma di cono bucato e terminante con un cannello per versare liquidi in recipienti dalla bocca stretta. 
  sm. funnel. 
  lat. imbutum, deriv. da imbutus, p.p. di imbuere impregnare. 

\imène, sm. Membrana elastica, formata da una ripiegatura della mucosa vaginale che si frappone tra la vulva e la vagina ostruendone parzialmente l'ingresso. In genere si lacera al primo rapporto sessuale. 

\Imène Personaggio mitologico, figlio di Dioniso e Afrodite, o di Apollo e una Musa, dio greco delle nozze. 

\imenèo, agg. e sm. agg. Nuziale. ~ matrimoniale. 
sm. 1 Canto nuziale dell'antichità classica. ~ epitalamio. 2 Al plurale, matrimonio. ~ nozze. 

\imènio, sm. Parte del corpo fruttifero dei funghi costituito da ife e generatore delle spore. 

\Imenomicèti, o Imenomicetàli Ordine di Funghi Basidiomiceti, a cui appartiene la maggior parte delle specie, in cui a maturità l'imenio non è avvolto da ife sterili per cui i basidi possono staccare le spore. 

\Imenòtteri Ordine di Insetti Pterigoti provvisti di quattro ali membranose, apparato boccale masticatore, tegumento resistente, con il mesotorace (secondo segmento del tronco) particolarmente sviluppato. Con dimorfismo sessuale molto accentuato, presentano metamorfosi completa. Si suddividono in due sottordini, i Sinfiti (provvisti di zampe allo stadio larvale) e gli Apocriti (privi di zampe allo stadio lavale). Ne fanno parte api, vespe e formiche. 

\Imèr Comune in provincia di Trento (1.131 ab., CAP 38050, TEL. 0439). 

\Imerina Altopiano (tra 1.200 e 1.400 m) del Madagascar centrale, dove sorge la capitale Antananarivo. 

\IMF Sigla di International Monetary Fund (fondo monetario internazionale). 

\IMI Sigla di Istituto Mobiliare Italiano. 

\imipenem, sm. invar. Nome di un antibiotico beta-lattaminico ad ampio spettro dotato di eccezionale resistenza all'inattivazione da parte delle betalattamasi batteriche. Derivato dalla tienamicina, possiede un efficace potere battericida. 

\imipramìna, sf. Nome del cloridrato di N-(γ)-dimetilamminopropilimminodibenzile, una sostanza usata nel trattamento delle depressioni perché in grado di modificare le attività psichiche. 

\imitàbile, agg. Che si può imitare. ~ emulabile. 

\imitàre, v. tr. 1 Prendere a esempio qualcuno, prendere come modello, emulare. ~ scimmiottare. cercava di imitare in tutto e per tutto il padre. 2 Riprodurre qualcosa con la massima somiglianza possibile. ~ copiare. <> inventare. 3 Contraffare. ~ falsificare. 4 Di cose, essere simile. ~ sembrare. 
  v. tr. 1 to imitate. 2 (assomigliare) to look like. 
  lat. imitari

\imitatìvo, agg. 1 Che imita, che tende a imitare. 2 Che cerca di imitare. 3 Che richiama col suono delle parole l'idea delle cose descritte. ~ onomatopeico, fonosimbolico. 

\imitatóre, agg. e sm. (f.-trìce) agg. Che imita. 
sm. 1 Chi imita. <> creatore. 2 Attore che imita voci e rumori. 
  sm. mimic. 

\imitazióne, sf. 1 Atto dell'imitare. 2 La cosa ottenuta imitando. ~ riproduzione. <> originale. 3 Oggetto che ne imita un altro. ~ copia. <> ideazione. era solo una brutta imitazione del vero originale
  sf. 1 imitation. 2 (falso) fake. 
  lat. imitatio,-onis

\Imitazione di Cristo Opera mistica di Tommaso da Kempis (XV sec.). 

\immacolàto, agg. 1 Senza macchia; pulito, bianco. ~ candido. <> macchiato, sporco. le nevi sulle cime dei monti erano ancora immacolate. 2 Puro, incontaminato. ~ illibato. <> contaminato. 
  agg. immaculate, spotless. 
  lat. immacilatus, comp. da in-+ maculatis, p.p. di maculare macchiare. 

\immagazzinaménto, sm. L'immagazzinare, l'essere immagazzinato. 

\immagazzinàre, v. tr. 1 Riporre, conservare in magazzino. ~ stoccare. 2 Accumulare. ~ ammucchiare. 3 Immettere o conservare i dati su un apposito supporto. ~ registrare. 
  v. tr. to store. 
  da in-+ deriv. da magazzino

\immaginàbile, agg. e sm. agg. Che si può immaginare, intuibile, credibile. ~ prevedibile. <> inconcepibile. 
sm. Tutto ciò che si può concepire. 

\immaginàre, v. e sm. v. tr. 1 Rappresentarsi qualcosa nella mente; sognare. ~ pensare. 2 Supporre, credere, intuire, sospettare, presumere. ~ figurarsi, dubitare. immagina di dover essere la persona che ha questo gravoso compito: cosa faresti? 3 Ideare, progettare. ~ inventare. 4 Comprendere. ~ capire. non riesci neanche a immaginare cosa provavo in quei momenti
v. intr. pron. Ritenere. s'immaginava di essere il prescelto invece rimase deluso
sm. Immaginazione, pensiero. ~ idea. 
  v. tr. 1 to imagine. 2 (supporre) to suppose. 3 (escl., s'immagini!) don't mention it! 
  lat. immaginari, da imago,-inis immagine. 

\immaginàrio, agg. e sm. agg. 1 Che è effetto d'immaginazione. ~ illusorio. <> concreto. malattia immaginaria. 2 Numero complesso che è la radice quadrata di un numero negativo. unità immaginaria, in matematica è la radice di -1. 
sm. Il prodotto dell'immaginazione di un individuo o di una collettività. 
  agg. imaginary. 
  lat. imaginarius

\Immaginario medievale, L' Opera di storia di J. Le Goff (1988). 

\immaginatìva, sf. Capacità d'immaginare, di rappresentare con la fantasia. ~ inventiva. 

\immaginatìvo, agg. 1 Relativo all'immaginazione. 2 Che è dotato di immaginazione. ~ fantasioso. 3 Atto all'immaginazione. 

\immaginazióne, sf. 1 L'immaginare. ~ fantasia. 2 La facoltà di concepire nella fantasia e accostare liberamente. ~ immaginativa. 3 La cosa immaginata. 4 Pensiero vano. ~ ubbia. 
  sf. imagination. 
  lat. imaginatio,-onis. 
In psicologia è l'insieme delle funzioni della mente che consentono di creare, riprodurre e integrare immagini. Può essere creatrice, integratrice o riproduttiva. L'immaginazione creatrice è quella che porta alla definizione di immagini nuove. Arte e letteratura ne sono esempi. L'immaginazione integratrice consente di aggiungere dati alla realtà in modo da completare una serie di dati sensoriali incompleta. L'immaginazione riproduttiva è la capacità di riportare alla mente immagini formatesi dall'esperienza sensoriale reale. 

\immàgine, sf. 1 Figura esteriore percepita con la vista o, in senso lato, mediante altre apparenze. ~ visione, aspetto, look, apparenza, facciata. ne ho un'immagine sfuocata. l'immagine dell'azienda era leggermente in calando. 2 Rappresentazione mentale di una cosa vera o prodotta dalla fantasia. ~ memoria, visione, idea. <> realtà, sostanza. 3 Figura che evoca un concetto, un'idea. ~ icona. 4 Idea che dà di sé un personaggio. ~ aspetto è un attore che cura molto la propria immagine. 5 Riproduzione molto fedele di qualcuno o qualcosa. ~ rappresentazione. 6 Rappresentazione grafica, fotografica o plastica di soggetti reali o fantastici. ~ effigie, illustrazione, ritratto, copia. 7 Chi o ciò che assomiglia a qualcuno o a qualcosa; persona o cosa paragonabile, affine, simile. 8 Espressione particolarmente intensa per rappresentare un oggetto, un fatto, una situazione. 9 Forza, potenza immaginativa. 10 In matematica, data una funzione F, viene detta immagine di F l'insieme degli output di F; dato un sottoinsieme S del dominio di F viene detta immagine di S mediante F l'insieme degli output mediante F di input in S; dato un elemento p del dominio di F viene detto immagine di p mediante F il valore F(p)
  sf. 1 image. 2 (grafica) picture. 3 (matematica) image (di un elemento o un insieme di elementi mediante una funzione), range (di una funzione) 
  lat. imago,-inis

\immaginétta, sf. 1 Diminutivo di immagine. 2 Figurina devozionale. 

\immaginìfico, agg. (pl. m.-ci) Che crea inesauribilmente immagini poetiche. 

\immaginìsmo, sm. Tendenza ad abusare di immagini o metafore nel parlare o nello scrivere. 

\immaginóso, agg. 1 Che ha molta immaginazione. 2 Di stile, ricco di immagini. 

\immalinconìre, v. v. tr. Rendere malinconico. ~ rattristare. <> rallegrare, allietare. 
v. intr. e intr. pron. Diventare malinconico. ~ intristirsi. <> rallegrarsi. 

\immancàbile, agg. 1 Che non può mancare. 2 Che non manca, certo, sicuro. ~ inevitabile. <> aleatorio. 
  agg. 1 unfailing. 2 (certo) certain, sure. 

\immancabilménte, avv. Certamente, sicuramente. ~ inevitabilmente. 

\immàne, agg. 1 Smisurato. ~ enorme. <> minuscolo. 2 Orribile, brutto. ~ orripilante. 
  agg. 1 enormous. 2 (orribile) terrible. 
  lat. immanis, comp. da in-+ arcaico manus buono. 

\immanènte, agg. 1 Che permane. ~ costante. <> passeggero. 2 Che fa parte della cosa stessa, che trova in essa il proprio principio e la propria fine. ~ concreto. <> trascendente. 3 Che fa parte del reale. ~ materiale. <> ideale. 

\immanenteménte, avv. In modo immanente. 

\immanentìsmo, sm. 1 Sistema filosofico che si fonda sul rifiuto dell'esistenza di una realtà trascendente. 2 Atteggiamento religioso che ritrova l'origine della trascendenza di Dio in un'esigenza intima dell'uomo. 

\immanentìsta, sm. e sf. (pl. m.-i) Seguace dell'immanentismo. 

\immanentìstico, agg. (pl. m.-ci) 1 Dell'immanentismo. 2 Dell'immanenza. 

\immanènza, sf. L'essere immanente. 

\immangiàbile, agg. Che non si può mangiare; non commestibile, disgustoso. ~ nauseante. <> commestibile, buono. 
  agg. uneatable, inedible. 

\immanità, sf. L'essere immane. ~ enormità. 

\immantinènte, agg. Senza indugio. ~ subito. 

\immarcescìbile, agg. 1 Che non può marcire. 2 Immutabile, stabile. ~ imperituro. 

\IMMARSAT Sigla di INternational MARitime SATellite organization, organismo internazionale con sede a Londra per il miglioramento delle comunicazioni marittime e delle piattaforme petrolifere tramite l'utilizzo dei satelliti geostazionari. 

\immateriàle, agg. 1 Non materiale. ~ astratto. <> materiale. 2 Spirituale. ~ incorporeo. <> corporeo. 

\immaterialìsmo, sm. Termine coniato da G. Berkeley per denominare la caratteristica fondamentale della sua filosofia che vede il mondo esterno come un complesso di qualità, riduce le qualità a idee e in questo modo arriva a negare l'esistenza della materia. 

\immaterialità, sf. L'essere immateriale. 

\immatricolàre, v. v. tr. Iscrivere in un pubblico registro assegnando una matricola. ~ registrare. <> depennare. 
v. rifl. Di studente al primo anno di università, iscriversi nella matricola. 
  v. tr. 1 (persona) to enrol. 2 (veicolo) to register. v. rifl. to matriculate. 
  da in-+ deriv. da matricola. 

\immatricolazióne, sf. L'immatricolare e l'immatricolarsi. 
  sf. registration, matriculation. 

\immaturaménte, avv. 1 In modo immaturo. ~ acerbamente. 2 Prima del tempo, precocemente. ~ prematuramente. 

\immaturità, sf. L'essere immaturo. ~ acerbità. <> maturità. 

\immatùro, agg. 1 Non maturo. ~ acerbo. <> pronto. 2 Di cosa ancora in formazione. ~ incompleto. <> completo, perfetto. 3 Di persona, ancora in sviluppo. ~ giovane. <> adulto. 4 Affetto da immaturità. 5 Che avviene prima del tempo. ~ prematuro. <> maturo. ogni decisione allo stato attuale sarebbe una decisione immatura. 6 Di neonato, nato prima del termine. 
  agg. 1 unripe. 2 (persona) immature. 

\immedesimàre, v. v. tr. Considerare identiche o fare coincidere cose distinte o diverse. ~ identificare. <> diversificare. 
v. rifl. Partecipare emotivamente a una vicenda altrui come fosse la propria. ~ immedesimarsi. <> distinguersi. 
  v. rifl. to identify oneself with. 
  da in-+ deriv. da medesimo. 

\immedesimazióne, sf. L'immedesimare e l'immedesimarsi. 

\immediataménte, avv. Subito, istantaneamente, rapidamente, direttamente. ~ prontamente. <> successivamente. 
  avv. immediately. 

\immediatézza, sf. 1 L'essere immediato, istantaneità. ~ prontezza. 2 Franchezza, spontaneità. ~ naturalezza. <> ipocrisia. 

\immediàto, agg., avv. e sm. agg. 1 Che fa o agisce direttamente. ~ diretto. <> mediato. 2 Che accade senza interposizione di tempo. ~ istantaneo. <> graduale. la risposta a quella domanda fu immediata. 3 Non meditato. ~ istintivo. <> ponderato. 4 Che segue subito. era il suo superiore immediato, nella gerarchia dell'azienda
avv. Immediatamente. 
sm. Il momento presente. 
  agg. immediate. 
  lat. tardo immediatus, comp. da in-+ mediatus, p.p. di mediare essere a metà. 

\immedicàbile, agg. Che non può essere medicato. ~ inguaribile. 

\immelensìre, v. v. tr. Rendere melenso. 
v. intr. Diventare melenso. 

\immelmàrsi, v. rifl. 1 Entrare nella melma. 2 Sporcarsi con la melma. ~ imbrattarsi. 

\immemoràbile, agg. Di tempo, da non potersi ricordare. ~ remoto. <> recente. 
  agg. immemorial. 

\immèmore, agg. 1 Che non ha memoria, ricordo. ~ dimentico. <> memore. 2 Che finge di non ricordare. ~ ingrato. <> riconoscente. 3 Che non ha coscienza di sé. 
  agg. forgetful. 

\immensaménte, avv. Smisuratamente, enormemente, incredibilmente. ~ infinitamente. 

\immensità, sf. 1 Carattere di ciò che è immenso. 2 Quantità molto grande. ~ moltitudine. 3 Spazio immenso. ~ vastità. <> limitatezza. 
  lat. immensitas,-atis. 

\immènso, agg. e sm. agg. 1 Non misurabile per la sua grandezza. ~ incalcolabile. <> limitato. 2 Molto vasto, abbondante, grande; profondo. ~ enorme. <> esiguo. 
sm. Immensità. 
  agg. immense. 
  lat. immensus, comp. da in-negativo + mensus, p.p. di metiri misurare. 

\immensuràbile, agg. Che non si può misurare. ~ smisurato. 

\immèrgere, v. v. tr. 1 Immettere. ~ tuffare. <> estrarre. 2 Far penetrare, infiggere. ~ introdurre. <> sfilare. 
v. rifl. 1 Entrare in un liquido. ~ bagnarsi. <> affiorare. 2 Dedicarsi completamente a un'occupazione. ~ consacrarsi. si era immerso completamente nel nuovo lavoro. 3 Penetrare in un luogo. ~ addentrarsi. 
v. intr. pron. Affondare. si immerse rapidamente nell'oscurità degli abissi
  v. tr. 1 to immerse, to plunge. 2 (delicatamente) to dip. v. rifl. 1 to plunge. 2 (sommergibile) to submerge. 3 (dedicarsi) to immerse oneself. 
  lat. immergere, comp. da in-dentro + mergere tuffare. 

\immeritataménte, avv. 1 Senza merito. ~ indegnamente. 2 Senza colpa. ~ ingiustamente. <> meritatamente. 

\immeritàto, agg. Non meritato. ~ ingiusto. <> dovuto. 
  agg. unmerited, undeserved. 

\immeritévole, agg. Non meritevole. ~ indegno. <> meritevole. 
  agg. unworthy, undeserving. 

\immersióne, sf. 1 L'immergere e l'immergersi. 2 Il discendere sotto la superficie del mare. <> emersione. compiva numerose immersioni durante l'anno. 3 Lo scomparire di un astro nel cono d'ombra di un altro astro durante un'eclissi. 
  sf. 1 immersion. 2 (sommergibile) submersion. 
  lat. tardo immersio,-onis. 
  lat. tardo immersio,-onis, deriv. da immersus, p.p. di immergere tuffar dentro. 
Incidenti da immersione 
La diffusione degli sport che prevedono l'immersione subacquea ha comportato anche l'aumento dei cosiddetti incidenti da immersione, che sono più rari nei sommozzatori professionisti e si verificano più facilmente nei soggetti alle prime esperienze e in chi decide di provare a immergersi senza aver seguito un addestramento adeguato. I tipi di incidenti più pericolosi sono sostanzialmente due, l'embolia gassosa e la malattia dei cassoni (da decompressione). 
L'embolia gassosa rappresenta una grave situazione, nella quale bolle di gas o d'aria entrano nel circolo sanguigno. L'infortunato manifesta alterazioni della personalità e turbe sensoriali (per esempio una visione confusa) come se avesse assunto alcol o stupefacenti. Può lamentare dolori al torace e una debolezza che può sfociare nella comparsa di una paralisi. A volte nel naso o nella bocca è presente del sangue schiumoso. Possono presentarsi anche convulsioni. Nei casi più gravi l'infortunato può perdere coscienza e andare incontro ad arresto cardio-circolatorio. 
La malattia dei cassoni si verifica quando un soggetto, dopo un'immersione prolungata, risale troppo rapidamente, incamerando azoto nei propri tessuti corporei. Le manifestazioni di questa situazione patologica si presentano in genere dopo 3 ore dall'immersione, ma possono verificarsi tra 1 ora e 48 ore dalla risalita in superficie. Il soggetto presenta dolori articolari e muscolari, comparsa di chiazze sulla pelle che danno prurito, difficoltà respiratoria e possibilità di tosse, turbe dell'umore, aree con diminuita sensibilità e a volte con paralisi, possibile collasso e stato di incoscienza. 
In ambedue i casi avvertire prontamente un presidio ospedaliero: i soggetti colpiti necessitano di somministrazione di ossigeno e di ricovero in camera iperbarica. Nell'attesa dell'arrivo dei soccorsi, mantenere al caldo l'infortunato e, se non presenta lesioni al collo, posizionarlo sul fianco sinistro, con il corpo leggermente inclinato verso il basso in direzione del capo (cioè con i piedi più in alto della testa), facendo sempre attenzione a mantenere libere le vie respiratorie, tutto ciò allo scopo di prevenire che le bolle di gas presenti nel sangue raggiungano il circolo ematico del cervello provocando gravi lesioni. 

\immèrso, agg. 1 Tuffato. ~ bagnato. 2 Occupato. ~ impegnato. <> deconcentrato. 
  lat. immersus, p.p. di immergere immergere. 

\immeschinìre, v. v. tr. Rendere meschino. 
v. intr. e intr. pron. Divenire meschino. 

\imméttere, v. v. tr. Far entrare, mandare dentro. ~ introdurre. <> estrarre. 
v. intr. Condurre dentro, portare a. <> estromettere. 
v. rifl. Introdursi. ~ entrare. <> uscire. 
  v. tr. 1 to introduce. 2 (sul mercato) to bring out. 3 (dati in un computer) to enter data on a computer. 
  da in-+ mettere. 

\immigrànte, agg., sm. e sf. Che, chi immigra. 

\immigràre, v. intr. Entrare in un paese straniero o in una regione diversa dalla propria per stabilirvisi. ~ stanziarsi. <> emigrare. 

\immigràto, agg. e sm. Che, chi si è stabilito in un paese straniero o in una regione diversa dalla propria soprattutto per motivi di lavoro. ~ importato, trapiantato. <> emigrante, emigrato. 
  agg. e sm. immigrant. 

\immigratòrio, agg. Dell'immigrazione; degli immigrati. 

\immigrazióne, sf. 1 L'immigrare. 2 Il complesso degli immigrati. 
  sf. immigration. 
  deriv. da immigrare. 

\imminènte, agg. 1 Che sta per accadere. ~ prossimo. <> distante. 2 Che è sospeso su qualcosa o qualcuno. ~ sovrastante. 
  agg. imminent. 

\imminènza, sf. L'essere imminente, prossimo ad accadere. 

\immischiàre, v. v. tr. Rendere qualcuno partecipe di fatti che non lo riguardano contro la sua volontà. ~ implicare. <> estromettere. 
v. intr. pron. Occuparsi indebitamente di cose altrui, intromettersi. ~ impicciarsi. <> disinteressarsi. 
  v. tr. to involve. v. intr. pron. to interfere. 
  da in-+ mischiare. 

\immiscìbile, agg. Di liquido, che non può essere mescolato con nessun altro liquido. 

\immiseriménto, sm. L'immiserire, l'immiserirsi e l'effetto. 

\immiserìre, v. v. tr. Rendere misero, depauperare, consumare. ~ impoverire. 
v. intr. e intr. pron. 1 Diventare misero. ~ impoverirsi. 2 Intristirsi. 

\immissàrio, sm. Corso d'acqua che entra in un bacino e lo alimenta. ~ affluente. <> emissario. 

\immissióne, sf. L'immettere e l'immettersi. ~ introduzione, importazione. <> fuoriuscita. 
  sf. 1 intake. 2 (dati) data entry. 
  lat. immissio,-onis, deriv. da immissus, p.p. di immittere spingere dentro. 

\immistióne, sf. Ingerenza inopportuna e indebita. ~ interferenza. 

\immòbile, agg. e sm. agg. Che non si muove. ~ statico. <> trasferibile. 
sm. Bene immobile. ~ fabbricato. 
  agg. motionless. sm. 1 real estate. 2 (fabbricato) building. 
  lat. immobilis, comp. da in-negativo + mobilis mobile. 

\immobiliàre, agg. e sf. agg. Che si riferisce ai beni immobili. 
sf. Società immobiliare. 
  agg. 1 estate. 2 (dir.) property. 

\immobilìsmo, sm. 1 Politica che tende a evitare i problemi lasciandoli senza una soluzione. ~ conservatorismo. <> progressismo. 2 Opposizione sistematica a ogni innovazione. 

\immobilìstico, agg. (pl. m.-ci) Proprio dell'immobilismo, ispirato all'immobilismo. 

\immobilità, sf. 1 L'essere, lo stare immobile. ~ inerzia, staticità. <> mobilità. 2 Situazione stazionaria, stagnante. ~ stallo. 3 Stabilità. ~ stasi. <> attività. 4 Quiete. 
  sf. immobility, stillness. 
  lat. tardo immobilitas,-atis. 

\immobilizzàre, v. v. tr. 1 Rendere immobile; bloccare. ~ paralizzare. <> liberare, sbloccare. 2 Investire in beni immobili. 3 Costringere all'immobilismo. 4 Inibire. ~ trattenere. 
v. intr. pron. e rifl. Fermarsi di colpo. ~ bloccarsi. 
  v. tr. to immobilize. 
  deriv. da immobile. 

\immobilizzazióne, sf. 1 L'immobilizzare e l'effetto. 2 Bene economico investito a lunga scadenza. 

\immoderataménte, avv. In modo immoderato; smoderatamente, eccessivamente. ~ smodatamente. 

\immoderatézza, sf. L'essere immoderato. ~ smodatezza. <> moderatezza. 

\immoderàto, agg. 1 Di persona, privo di moderazione. ~ sregolato. <> moderato. 2 Eccessivo. ~ smodato. 

\immodèstia, sf. 1 Mancanza di modestia. ~ presunzione. <> modestia. 2 Mancanza di pudore. ~ sfrontatezza. <> timidezza. 
  lat. immodestia, comp. da in-negativo + modestia modestia. 

\immodèsto, agg. 1 Presuntuoso. ~ superbo. <> modesto. 2 Sfrontato. ~ sfacciato. <> timido. 
  agg. immodest. 

\immodificàbile, agg. Che non si può modificare. 

\immolàre, v. v. tr. 1 Nel mondo greco e romano, cospargere di farro macinato e sale la vittima di un sacrificio. ~ uccidere. 2 Sacrificare. ~ offrire. 
v. rifl. Far sacrificio di sé stessi. ~ sacrificarsi. 
  v. tr. to immolate, to sacrifice. 

\immolazióne, sf. 1 L'immolare, l'immolarsi e l'effetto. ~ sacrificio. 2 L'offerta della vittima a una divinità. 3 L'offerta dell'ostia in una messa cattolica. 

\immollàre, v. v. tr. 1 Inzuppare in un liquido. 2 Bagnare. 
v. rifl. Infradiciarsi. ~ inzupparsi. 

\immondézza, sf. 1 L'essere immondo. 2 Immondizia. ~ spazzatura. 

\immondezzàio, sm. 1 Luogo in cui si raccolgono i rifiuti. 2 Ambiente immorale, corrotto. 

\immondìzia, sf. Spazzatura, sudiciume, rifiuti. ~ sporcizia. 
  sf. rubbish, dirt, garbage. 
  lat. immunditia sporcizia. 

\immóndo, agg. 1 Estremamente sporco. ~ sudicio. <> candido. 2 Turpe, perverso, osceno. ~ corrotto. 3 Escluso dalla cose sacre. ~ impuro. <> puro. 
  agg. foul, filthy. 

\immoràle, agg., sm. e sf. agg. 1 Che offende la morale; sconcio, osceno. ~ amorale, licenzioso. <> retto, morale. 2 Che agisce in modo contrario alla morale; corrotto, depravato, ingiusto, scandaloso. ~ disonesto. <> onesto, giusto. 
sm. e sf. Individuo immorale. 
  agg. immoral. 
  da in-+ morale. 

\immoralìsmo, sm. 1 Immoralità. 2 Dottrina etica di F. W. Nietzsche. 

\immoralìsta, sm. e sf. (pl. m.-i) Seguace dell'immoralismo. 

\Immoralista, L' Romanzo di A. Gide (1902). Il libro costituisce la narrazione-confessione fatta dal protagonista, Michel, agli amici. L'intreccio è costituito essenzialmente da due viaggi in Africa intramezzati da un soggiorno a Parigi nel quale la moglie del protagonista Marceline perde il bambino che attendeva: il primo viaggio del protagonista con la donna, appena sposata, nel quale Michel si ammala di tubercolosi e viene assistito amorevolmente dalla moglie fino a recuperare la salute; il secondo viaggio, deciso da Michel per rivivere l'emozione della rinascita, nel quale Marceline, che ha contratto la tubercolosi nell'assistere il marito, si aggrava e muore quasi trascurata mentre lui è concentrato sulle proprie esperienze. Numerosi elementi dell'opera sono di carattere autobiografico. È uno dei romanzi più noti e problematici di Gide. 

\immoralità, sf. 1 L'essere immorale. ~ depravazione. <> moralità. 2 Atto o detto da persona immorale. ~ disonestà. <> onestà, equità. 

\immoralménte, avv. In modo immorale. ~ disonestamente, licenziosamente. 

\immorsàre, v. tr. 1 Mettere il morso. 2 Saldare due elementi di una struttura facendo incastrare i pezzi sporgenti di uno con quelli rientranti dell'altro. 

\immortalàre, v. v. tr. Rendere immortale la memoria di qualcuno. ~ perpetuare, eternare. <> smitizzare, abbattere. 
v. intr. pron. Divenire immortale. 
  deriv. da immortale. 

\immortàle, agg. e sm. agg. 1 Che non muore, che non può morire. ~ eterno. <> mortale. 2 Celebre in eterno per fama. ~ leggendario. <> anonimo, oscuro. 3 Che non avrà mai fine. ~ perenne. <> mortale, caduco. 
sm. 1 Chi è destinato a fama imperitura. 2 Epiteto delle divinità pagane. 
  agg. immortal. 
  lat. immortalis, comp. da in-negativo + mortalis mortale. 

\immortalità, sf. 1 L'essere immortale. ~ perennità. 2 Fama imperitura. 
  lat. immortalitas,-atis. 

\Immortalità dell'anima, L' => "De immortalitate animae " 

\Immortalità, L' Romanzo di M. Kundera (1990). 

\immotivataménte, avv. In modo immotivato. ~ infondatamente. 

\immotivàto, agg. 1 Che non ha motivazioni; infondato. ~ ingiustificato. <> motivato. 2 Immeritato. ~ ingiusto. 

\immòto, agg. Immobile. ~ fermo. 

\immùne, agg. 1 Non soggetto a obblighi, pene, uffici. ~ esente. <> soggetto. 2 Libero. ~ privo. 3 Che non può essere contagiato da agenti patogeni. ~ protetto. <> attaccabile. 
  agg. 1 immune. 2 (esente) exempt. 3 (libero) free. 
  lat. immunis, comp. da in-privativo + deriv. da munus,-eris incarico. 

\immunità, sf. 1 L'essere immune. 2 Privilegio concesso a una persona in virtù della sua carica. ~ esenzione, esonero. 3 La facoltà di un organismo di resistere all'azione di agenti patogeni e tossine. ~ difesa. 
  sf. 1 immunity. 2 (parlamentare) parliamentary privilege. 
  lat. immunitas,-atis. 
Difese immunitarie 
In medicina si riferisce alla capacità dell'organismo di combattere gli agenti estranei nocivi come batteri, virus, funghi e parassiti. Le forme di immunità sono due: innata e acquisita. L'immunità innata è la difesa naturale dell'organismo presente dalla nascita, che porta alla produzione di anticorpi che eliminano gli agenti che provocano infezioni. L'immunità acquisita è la capacità di riprodurre una risposta immunologica a un'infezione precedentemente superata, anche provocata mediante le vaccinazioni. Gli elementi di base sono linfociti e anticorpi. 
Immunità diplomatiche 
Sono condizioni che interessano i diplomatici in missioni straniere e il loro rapporto con lo stato che li ospita. Tali condizioni riguardano l'inattaccabilità dei diplomatici e dei loro beni e la loro indipendenza fisica, tributaria, giuridica e penale. Sono regolate in base agli accordi di Vienna del 1961. Tra i privilegi che includono vi è la valigia diplomatica con la quale si intende che la loro corrispondenza rimane privata. 
Immunità parlamentari 
Sono garanzie di ordine penale e civile riguardanti i membri del Parlamento. In virtù di esse i parlamentari possono esprimere liberamente le loro opinioni ed eseguire quindi il loro incarico serenamente. Tali immunità sono peraltro relative al solo svolgimento dell'attività parlamentare e non riguardano invece reati d'altra natura commessi al di fuori delle funzioni ufficiali. In quest'ultimo caso i parlamentari possono essere sottoposti a giudizio previa l'autorizzazione della camera di appartenenza. 

\immunitàrio, agg. Di immunità. 
  agg. immune. 

\immunizzànte, agg. Che serve a immunizzare. <> immunosoppressore. 

\immunizzàre, v. v. tr. 1 Conferire l'immunità a un organismo. ~ vaccinare. immunizzare dal tetano. 2 Rendere insensibile a un'influenza esterna negativa. ~ salvaguardare. era ormai immunizzato a certi richiami deleteri
v. rifl. 1 Rendersi immune da una malattia. ~ vaccinarsi. 2 Salvaguardarsi. ~ proteggersi. 
  franc. immuniser

\immunizzazióne, sf. L'immunizzare, l'immunizzarsi, l'essere immunizzato. 
  franc. immunisation. 

\immunocomplèsso, sm. Combinazione di un antigene e di un anticorpo specifico in grado di fissare il complemento. Tale complesso può, in situazioni patologiche, ledere i tessuti. Si parla in questo caso di malattia da immunocomplessi

\immunodeficiènza, sf. Stato di notevole riduzione delle difese immunitarie dell'organismo. 
  sf. immunodeficiency. 

\immunodeprèsso, agg. e sm. Si dice di persona con ridotta difesa immunitaria. 

\immunoematologìa, sf. Settore dell'ematologia che si occupa dei processi immunitari. 

\immunogenètica, sf. (pl.-che) Ramo della genetica che studia la trasmissione, lo sviluppo e le manifestazioni dei caratteri immunitari. 

\immunògeno, agg. e sm. Di sostanza capace di stimolare le risposte immunitarie. 

\immunoglobulìna, sf. Particolare globulina (Ig) implicata nel sistema immunitario. 

\immunologìa, sf. Studio dei fenomeni relativi all'immunità. 

\immunologicaménte, avv. Dal punto di vista immunologico. 

\immunològico, agg. (pl. m.-ci) Relativo all'immunologia. 

\immunòlogo, sm. (pl. m.-gi) Studioso di immunologia. 

\immunoprofilàssi, sf. Prevenzione delle malattie basata sulla somministrazione di vaccini o sieri. ~ vaccinazione. 

\immunoscintigrafìa, sf. Esame che individua formazioni tumorali grazie all'uso di anticorpi radioattivi. Si basa sulla scoperta di Kohler e Milstein (Nobel per la medicina nel 1984) degli anticorpi monoclonali. 

\immunosoppressóre, agg. e sm. Di principio che elimina o riduce le difese immunitarie di un organismo. <> immunizzante. 

\immunoterapìa, sf. Cura di alcune malattie mediante vaccini e sieri. 

\immuraménto, sm. Pena in cui il condannato viene rinchiuso in uno spazio murato e lì viene lasciato morire. 

\immusìre, v. intr. Fare il broncio. ~ immusonire. 

\immusonìre, v. intr. e intr. pron. Fare il muso. ~ imbronciarsi. 

\immusonìrsi, v. intr. pron. Fare il broncio. ~ corrucciarsi. <> rasserenarsi. 

\immusonìto, agg. Corrucciato. ~ imbronciato. 

\immutàbile, agg. Che non muta; che non può mutare; costante, fisso. ~ stabile. <> mobile, mutevole. 
  agg. immutable. 

\immutabilità, sf. L'essere immutabile. ~ stabilità. 

\immutabilménte, avv. In modo immutabile. ~ invariabilmente. 

\immutàre, v. tr. Modificare. ~ cambiare. 

\immutàto, agg. Che è rimasto sempre uguale, invariato. ~ inalterato. 
  agg. unchanged. 
  lat. immutatus, comp. da in-negativo + mutatus, p.p. di mutare cambiare. 

\ìmo, agg. e sm. agg. Situato nella parte più bassa, più profonda. ~ infimo. 
sm. La parte più bassa. 
  lat. imus. 

\Imo Stato (2.485.000 ab.) della Nigeria centro-meridionale, capoluogo Owerri. 

\Ìmola Comune in provincia di Bologna (61.900 ab., CAP 40026, TEL. 0542) sul fiume Santerno. Vi sono coltivati barbabietole, cereali, frutta e ortaggi. Oltre al fiorente artigianato del legno (mobili) e delle ceramiche, sono presenti industrie alimentari, dell'abbigliamento, elettrotecniche, poligrafiche e tessili. Si sviluppò in epoca romana, divenne comune nell'XI sec., fu sotto la podestà degli Alidosi dal 1335 al 1424 per passare poi alla chiesa nel 1504. I monumenti principali sono il duomo del XII sec. con parti del XVIII sec., il mastio del 1304 con quattro grosse torri d'angolo, il campanile romanico di Santa Maria in Regola del XII sec. e infine il palazzo Comunale, palazzo della Volpe e palazzo Sersanti, rinascimentali. Possiede un autodromo. 

\imoscàpo, sm. La parte inferiore del fusto a scapo di una colonna che costituisce l'unità di misura dei rapporti e delle proporzioni degli altri elementi della costruzione. 

\impaccàre, v. tr. 1 Chiudere in un pacco; legare formando un pacco. ~ impacchettare. 2 Stipare al massimo le informazioni contenute in un supporto magnetico. 

\impacchettàre, v. tr. 1 Chiudere in un pacchetto. ~ confezionare. <> scartare. 2 Arrestare. ~ ammanettare. 
  v. tr. to pack up. 
  da in-+ deriv. da pacchetto. 

\impacchettatrìce, sf. Macchina per impacchettare automaticamente. 

\impacchettatùra, sf. L'impacchettare e l'effetto. 

\impacciàre, v. v. tr. 1 Impedire l'azione o il movimento; ostacolare, impicciare. ~ intralciare. <> agevolare, facilitare. 2 Disturbare. ~ imbarazzare. <> liberare. 
v. intr. pron. Ingerirsi in qualcosa; impicciarsi. ~ intromettersi. 
  v. tr. to hinder. 

\impacciàto, agg. Non disinvolto, legato, impedito, imbarazzato. ~ goffo, timido. <> sciolto, disinvolto. 
  agg. 1 clumsy, awkward. 2 (imbarazzato) embarrassed. 

\impàccio, sm. 1 Situazione di chi è impacciato. ~ esitazione. <> disinvoltura, sicurezza. 2 Situazione che causa fastidio, difficoltà o noia. ~ disguido. 3 Impedimento, ostacolo. ~ intralcio. 
  sm. 1 hindrance. 2 (ostacolo) obstacle. 3 (imbarazzo) embarrassment. 
  deriv. da impacciare. 

\impàcco, sm. (pl.-chi) 1 Applicazione di panni imbevuti di acqua o sostanze medicamentose su una parte malata a scopo terapeutico. ~ cataplasma. 2 L'impaccare. 
  sm. compress. 
  deriv. da impaccare. 

\impadronìrsi, v. intr. pron. 1 Prendere possesso spesso con l'inganno o la violenza di qualcosa. ~ impossessarsi. : :i impadronì con un colpo di stato, del potere. 2 Acquistare padronanza di una cosa, impararla a fondo. ~ imparare. doveva impadronirsi meglio di quella tecnica 
  v. intr. pron. 1 to seize, to take possession of. 2 (imparare) to master. 
  da in-+ deriv. da padrone

\impagàbile, agg. Di cosa di grande valore che non può essere degnamente ricompensata. ~ inestimabile. 
  agg. invaluable, priceless. 

\impaginàre, v. tr. 1 Distribuire un testo composto e le eventuali illustrazioni secondo una misura e una collocazione prestabilite in modo da formare le pagine di un libro o di un giornale. 2 Raccogliere in ordine le pagine di un volume per poterlo rilegare. 
  v. tr. to paginate. 

\impaginàto, agg. e sm. agg. 1 Preparato in modo da formare le pagine di un libro o di un giornale. 2 Raccolto per la rilegatura. 
sm. Bozza tipografica già disposta in pagine. 

\impaginatóre, sm. (f.-trìce) 1 Il tipografo. 2 Il redattore di un giornale che progetta l'impaginazione. 3 Il tecnico che impagina. 

\impaginatùra, sf. L'impaginare. 

\impaginazióne, sf. Impaginatura. 

\impagliàre, v. tr. 1 Rivestire, coprire, avvolgere con la paglia. 2 Imbottire con la paglia. 3 Riempire di paglia la pelle di animali morti per conservarne la forma. ~ imbalsamare. 
  v. tr. 1 to stuff. 2 (con paglia) to stuff with straw. 

\impagliasèdie, sm. e sf. invar. Chi impaglia le sedie per mestiere. 

\impagliatóre, sm. (f.-trìce) 1 Chi impaglia oggetti. 2 Imbalsamatore di oggetti. 

\impagliatùra, sf. 1 L'impagliare e l'effetto. 2 Rivestimento o imbottitura di paglia. 

\impàla, sm. Antilope africana agile e robusta, con corna dotate di anelli, mantello giallo bruno, altezza circa un metro al garrese, lunghezza 1,60 m. Popola la savana africana spostandosi sul territorio in branchi. È saltatore eccezionale e resistente corridore. 

\impalaménto, sm. 1 L'impalare e l'effetto. 2 Nell'antichità e in oriente, supplizio nel quale un palo appuntito veniva inserito nell'ano del condannato e poi messo in posizione verticale. 

\impalàre, v. v. tr. 1 Munire di pali e fili di sostegno. 2 Uccidere una persona infilzandola con un palo. 
v. intr. pron. Mettersi fermo e diritto come un palo. 

\impalàto, agg. Di persona, ferma e diritta come un palo. 
  agg. stiff. 

\impalatùra, sf. 1 Messa in opera dei pali di sostegno. 2 Impalamento. 

\impalcàre, v. tr. Fare il palco alle stanze. 

\impalcàto, sm. 1 Complesso delle travi che sostengono il piano stradale di un ponte il cui compito è di trasmettere il carico alle strutture principali. 2 Soffitta formata da travi e tavole. 3 Piano di lavoro delle impalcature. 

\impalcatùra, sf. 1 Armatura provvisoria di travi e di ponti per consentire agli operai di raggiungere tutti i punti della costruzione durante l'esecuzione dei lavori di cantiere e sostenere i materiali. ~ ponteggio. 2 Struttura fondamentale. ~ intelaiatura. l'impalcatura della tenda era danneggiata. 3 Ramificazione delle corna del cervo. 4 Il punto in cui gli alberi si diramano formando il palco. 
  sf. scaffolding. 
  deriv. da impalcare

\impallidìre, v. v. tr. Rendere pallido. 
v. intr. 1 Divenire pallido. ~ sbiancare. 2 Turbarsi fortemente. ~ sbigottire. impallidì dalla paura. 3 Perdere luminosità, sbiadire. ~ offuscarsi. 4 Essere superato, diventare meno importante, grave, famoso. ~ attenuarsi. la sua persona impallidiva al confronto con quel formidabile genio
  v. intr. to turn pale. 
  da in-+ deriv. da pallido

\impallinaménto, sm. L'impallinare, l'essere impallinato. 

\impallinàre, v. tr. Colpire con pallini da caccia. 
  da in-+ deriv. da pallino. 

\impallinatùra, sf. 1 Malattia delle foglie delle Drupacee che causa la loro caduta precoce; è dovuta a Funghi Deuteromiceti. 2 Azione ed effetto dell'impallinare. 

\impalmàre, v. tr. Prendere in sposa. 
  spagn. empalmar. 

\impalpàbile, agg. Che quasi non si sente al tatto. ~ sottile. <> palpabile. 
  agg. impalpable, very fine. 
  lat. tardo impalpabilis, comp. da in-negativo + palpabilis tagibile. 

\impalpabilità, sf. L'essere impalpabile. 

\impalpabilménte, avv. In modo impalpabile. ~ sottilissimamente. 

\impaludàre, v. v. tr. Fare diventare palude. <> bonificare. 
v. intr. pron. Diventare palude. 

\impanàre, v. v. tr. 1 Passare nel pangrattato i cibi da friggere. ~ panare. 2 Filettare. 
v. intr. Di una vite che fa presa nella madrevite. 
  v. tr. (panare) to dip in bread-crumbs. 
  da in-+ deriv. da pane. 

\impanàto, agg. Passato nel pangrattato. 

\impanatrìce, sf. Filettatrice. 

\impanatùra, sf. 1 L'impanare, l'essere impanato. 2 Filettatura. 

\impancàrsi, v. rifl. 1 Mettersi a giudicare e a insegnare con presunzione. 2 Mettersi a sedere su una panca. 

\impaniàre, v. v. tr. 1 Spalmare di pania, di vischio le bacchette per catturare gli uccelli. ~ invischiare. 2 Ingannare. ~ imbrogliare. 
v. intr. pron. e rifl. 1 Rimanere preso alla pania. ~ invischiarsi. 2 Rimanere preso in una situazione senza via d'uscita. 

\impaniàto, agg. Invischiato. 

\impaniatùra, sf. L'impaniare, l'impaniarsi. 

\impannàre, v. tr. Mettere l'impannata a una finestra. 

\impannàta, sf. 1 Tela o carta messa tesa sul telaio della finestra come riparo. 2 Infisso a vetri. 

\impantanàre, v. v. tr. 1 Ridurre a pantano. il temporale aveva impantanato le campagne. 2 Sporcare con fango e terra. ~ insudiciare. 
v. intr. pron. 1 Entrare in un pantano e non sapere come uscirne. 2 Diventare pantano. 3 Trovarsi in una situazione difficile dalla quale non si sa come uscire. ~ impegolarsi. <> liberarsi. si era impantanato in un bel pasticcio
  v. intr. pron. 1 to get stuck, to sink. 2 (fig., impegolarsi) to get bogged down. 
  da in-+ deriv. da pantano

\impaperàrsi, v. intr. pron. Sbagliarsi nel parlare, fare una papera. ~ impappinarsi. 

\impapocchiàre, v. tr. Imbrogliare. ~ raggirare. 

\impappinàrsi, v. intr. pron. Perdere il filo del discorso, confondersi. ~ imbrogliarsi. 
  v. intr. pron. to stammer, to falter. 

\imparàbile, agg. Che non si può parare, detto di tiro di pallore e simili. 

\imparàre, v. tr. 1 Apprendere per mezzo dello studio, della pratica, dell'osservazione, dell'esperienza. ~ istruirsi, impratichirsi, sperimentare. <> disimparare. 2 Venire a sapere. ~ conoscere. 3 Insegnare. 
  v. tr. to learn. 
  lat. volg. imparare, comp. da in-+ parare procurare. 

\imparatìccio, sm. 1 Facile lavoro sul quale imparare le tecniche base di maglia e ricamo. 2 Lavoro eseguito da principiante a scopo di apprendimento. 3 Lavoro eseguito male. 4 Insieme di nozioni apprese in fretta e male. 

\impareggiàbile, agg. Che non può essere uguagliato; imparagonabile, unico. ~ ineguagliabile. <> riproducibile. 
  agg. incomparable. 

\Impareggiabile Godfrey, L' Film commedia, americano (1936). Regia di Gregory La Cava. Interpreti: Carole Lombard, William Powell, Eugene Pallette. Titolo originale: My Man Godfrey 

\impareggiabilménte, avv. In modo impareggiabile. 

\imparentàre, v. v. tr. Far diventare parente. 
v. rifl. Stringere un legame di parentela, soprattutto tramite il matrimonio. non voleva imparentarsi con quella famiglia
  v. rifl. to marry into. 
  da in-+ deriv. da parente

\ìmpari, agg. 1 Non pari. ~ disuguale. <> pari. 2 Inferiore per forza o qualità. 3 Dispari. ~ ineguale. 
  agg. 1 unequal. 2 (dispari) odd. 

\imparisìllabo, agg. 1 Che ha un numero dispari di sillabe. 2 Nella grammatica greca e latina, di nome che nella declinazione cambia il numero delle sillabe passando dal nominativo a un altro caso. 

\imparruccàre, v. v. tr. Mettere la parrucca. 
v. rifl. Mettersi la parrucca. 

\imparruccàto, agg. 1 Che porta la parrucca. 2 Superato e ampolloso. 

\impartìre, v. tr. Distribuire qualcosa tra più persone; dare, dispensare, donare. ~ assegnare. 
  v. tr. to give, to bestow. 
  lat. tardo impartire, comp. da in-+ partire dividere. 

\imparziàle, agg. 1 Non parziale, equo, giusto. ~ equanime. <> parziale. 2 Obiettivo. ~ oggettivo. <> soggettivo. 3 Indifferente, disinteressato, equilibrato, spassionato. ~ neutrale. <> interessato. 
  agg. impartial, unbiased. 

\imparzialità, sf. L'essere imparziale; equità, obiettività, giustizia, neutralità. ~ oggettività. <> parzialità. 

\imparzialménte, avv. In modo imparziale, obiettivamente. ~ equamente. 

\impasse, sf. invar. 1 Vicolo cieco. ~ labirinto. 2 Situazione difficile, senza via d'uscita; difficoltà, intoppo. ~ pasticcio. 

\impassìbile, agg. 1 Insensibile al dolore. 2 Che non si turba, che non lascia trasparire alcun sentimento o emozione; freddo, calmo, distaccato. ~ imperturbabile. <> emotivo. 
  agg. impassive. 

\impassibilità, sf. L'essere impassibile, indifferenza, insensibilità. ~ imperturbabilità. 
  lat. tardo impassibilitas,-atis. 

\impastaménto, sm. 1 Tecnica di massaggio che consiste nel calcare tra le dita i vari tessuti. 2 Operazione dell'impastare. 
v. tr. Rendere servile. 
v. intr. Diventare sottomesso come una pecora. 

\impastàre, v. v. tr. 1 Mescolare insieme e poi manipolare più sostanze in modo da farne una pasta omogenea. 2 Incollare. 
v. intr. pron. 1 Mescolarsi in un impasto. ~ impastarsi. 2 Sporcarsi di pasta o di sostanze appiccicose. ~ imbrattarsi. 
  v. tr. 1 to mix. 2 (pasta) to knead. 3 (coprire di pasta, attaccare con la pasta) to paste. 
  da in-+ deriv. da pasta. 

\impastàto, agg. 1 Coperto di pasta. 2 Rivestito di una patina sgradevole. 3 Sporco. ~ imbrattato. 4 Incollato. 

\impastatóre, sm. (f.-trìce) Operaio che impasta il pane o altre sostanze. 

\impastatrìce, sf. Macchina per impastare. 

\impastatùra, sf. L'impastare e l'effetto. 

\impasticcàrsi, v. intr. pron. o rifl. 1 Fare grande uso di pastiglie medicinale, riferito soprattutto agli psicofarmaci. 2 Usare sostanze stupefacenti. ~ drogarsi. 

\impasticcàto, agg. e sm. Che, chi fa uso di sostanze stupefacenti o di medicinali. ~ drogato. 

\impasticciàre, v. v. tr. 1 Manipolare insieme più sostanza in modo da farne un pasticcio. 2 Mettere insieme senza criterio, in modo disordinato, male. ~ ingarbugliare, abborracciare. 3 Sporcare, imbrattare, impiastrare. ~ impastare. 
v. intr. pron. e rifl. 1 Impiastricciarsi, imbrattarsi. ~ insozzarsi. 2 Perdere il filo del ragionamento. ~ confondersi. 

\impàsto, agg. e sm. agg. Che non ha mangiato. ~ digiuno. 
sm. 1 L'impastare e l'effetto. ~ impastatura. 2 Miscuglio omogeneo di un liquido con sostanze solide. ~ amalgama. 3 Miscuglio. ~ mescolanza. 
  sm. 1 mixture. 2 (pane) kneading. 3 (pasta) dough. 4 (cemento) mixing. 
  deriv. da impastare. 

\impastocchiàre, v. tr. Raccontare menzogne per ingannare gli altri o escogitare scuse e pretesti per trarsi d'impaccio. 

\impastoiàre, v. tr. 1 Mettere le pastoie. 2 Impedire i movimenti di una persona. ~ intralciare. 3 Ostacolare la libertà con regole e pregiudizi. 

\impataccàre, v. v. tr. Sporcare con patacche, macchiare. ~ insudiciare. 
v. rifl. Sporcarsi con patacche. ~ macchiarsi. 

\impattàre, v. v. tr. e intr. Chiudere un incontro sportivo o un gioco in parità. 
v. intr. 1 Urtare. ~ colpire. 2 Avere un determinato impatto. 

\impàtto, sm. 1 Urto di un corpo in movimento contro un altro; scontro. ~ cozzo. 2 Punto in cui avviene l'urto. 3 Influenza. ~ influsso. l'impatto di una simile scelta è imprevedibile
  sm. impact. 
  ingl. impact, dal lat. impactus, p.p. di impingere spingere contro. 

\impaurìre, v. v. tr. Mettere paura; atterrire, terrorizzare. ~ spaventare. <> tranquillizzare. 
v. intr. e intr. pron. Avere paura; spaventarsi, terrorizzarsi, sgomentarsi. ~ intimorirsi. <> incoraggiarsi. 
  v. tr. to frighten, to scare. v. intr. to become frightened, to become scared. 
  da in-+ deriv. da paura. 

\impavesàre, v. tr. 1 Munire una nave di parapetti di difesa. 2 Issare il pavese. 

\impavesàta, sf. Parapetto che corre intorno ai ponti scoperti delle navi a riparo e difesa delle persone. 

\impavidaménte, avv. In modo impavido. ~ coraggiosamente. <> timorosamente. 

\impàvido, agg. Che non ha paura; ardito, coraggioso. ~ audace. <> fifone. 
  agg. fearless, intrepid. 
  lat. impavidus, comp. da in-negativo + pavidus pavido. 

\impaziènte, agg. Che non ha pazienza; intollerante, ansioso, inquieto. ~ insofferente. <> tranquillo. 
  agg. 1 impatient. 2 (smanioso) eager. 

\impazienteménte, avv. In modo impaziente; bramosamente, nervosamente, ansiosamente. ~ smaniosamente. <> pazientemente. 

\impazientìre, v. v. tr. Rendere impaziente. ~ innervosire. <> tranquillizzare. 
v. intr. pron. Perdere la pazienza; innervosirsi, inquietarsi, spazientirsi. ~ arrabbiarsi. <> calmarsi. 

\impaziènza, sf. L'essere impaziente; intolleranza, smania, nervosismo, fretta. ~ insofferenza. <> pazienza. 
  sf. impatience. 
  lat. impatientia. 

\impazzàre, v. v. tr. Rendere pazzo. ~ impazzire. 
v. intr. 1 Impazzire. ~ ammattire. <> rinsavire. 2 Scatenarsi. ~ folleggiare. 3 In cucina, aggrumarsi. ~ impazzire. <> amalgamarsi. 4 Essere in auge. ~ infuriare. 

\impazzàta, sf. Nella locuzione all'impazzata, come un pazzo. ~ furiosamente. 
  sf. (all'impazzata) at breakneck speed. 

\impazziménto, sm. 1 L'impazzire. 2 Ciò che fa impazzire. 3 Noia, molestia. ~ fastidio. 

\impazzìre, v. v. tr. Rendere pazzo. ~ impazzare. <> guarire. quel dolore lancinante rischiava di farlo impazzire
v. intr. 1 Diventare pazzo. ~ ammattire. <> rinsavire. 2 Essere preso da passione travolgente, amare alla follia. ~ stravedere. <> disamorarsi. impazziva d'amore per quella ragazza. 3 Perdere la testa in attività particolarmente difficili o noiose. ~ scervellarsi. 4 Funzionare male, a caso. gli strumenti di bordo sembravano impazziti. 5 Di salsa, impazzare. ~ aggrumarsi. <> amalgamarsi. 
  v. intr. 1 to go crazy, to go mad. 2 (salsa) to separate. 
  da in-+ deriv. da pazzo

\impeachment, sm. invar. Nel diritto anglosassone, il procedimento di incriminazione promosso contro rappresentanti della pubblica amministrazione che hanno commesso reati nell'esecuzione delle loro funzioni. 

\impeccàbile, agg. Perfetto, ineccepibile, inappuntabile. ~ irreprensibile. <> criticabile. 
  agg. impeccable. 
  lat. impeccabilis, comp. da in-negativo + deriv. da peccare peccare. 

\impeccabilità, sf. L'essere impeccabile. ~ inappuntabilità. 

\impeccabilménte, avv. In modo impeccabile; irreprensibilmente. ~ perfettamente. 

\impeciàre, v. v. tr. Spalmare di pece o di sostanze appiccicose. 
v. intr. pron. 1 Sporcarsi di pece o di sostanze appiccicose. ~ imbrattarsi. 2 Rimanere impelagato in una cosa spiacevole. 

\impeciatùra, sf. L'impeciare e l'effetto. 

\impedènza, sf. In fisica indica la resistenza che un corpo oppone al passaggio di una corrente elettrica. 
Impedenza acustica 
In elettrotecnica rappresenta il rapporto tra la pressione acustica esercitata su una data superficie e la portata acustica efficace (intensità di flusso) che la attraversa. Per calcolarla si considera la velocità con cui oscillano le particelle di materia che compongono la superficie moltiplicata per l'area dell'intera superficie. 
Impedenza elettrica 
In elettrotecnica è la grandezza Z che lega l'intensità di corrente della corrente elettrica alternata che percorre un circuito elettrico alla tensione, ossia rappresenta l'opposizione che il circuito offre all'attraversamento della corrente elettrica; si ha V = ZI; nel caso particolare di tensione e corrente costanti, si ha V = RI, dove R è una costante (è la resistenza del circuito). 

\impedenzìmetro, sm. Dispositivo per misurare qualsiasi tipo di impedenza, sia acustica che elettrica. 

\impedenzometrìa, sf. Tecnica diagnostica utilizzata in audiometria per misurare l'impedenza alle trasmissioni delle vibrazioni sonore. 

\impediènte, agg. Che impedisce. 

\impediménto, sm. 1 L'impedire; blocco, ingombro, impaccio. ~ intoppo. 2 Imprevisto, ostacolo, contrattempo. ~ difficoltà. salvo impedimenti, se non ci sono ostacoli. 3 Causa che si oppone alla celebrazione del matrimonio, che rende invalido o irregolare un atto. 4 Condizione di alterata funzionalità di un organo. 
  sm. hindrance, impediment. 
  lat. impedimentum

\impedìre, v. tr. 1 Fare sì che un'azione non si compia, rendere impossibile; proibire, interdire. ~ vietare. <> permettere. 2 Frapporsi come ostacolo; impacciare, bloccare, ostacolare, ostruire. ~ ingombrare. <> liberare. il rumore dei lavori gli impediva di concentrarsi. 3 Di malattia, togliere l'uso delle membra. 4 Inibire, contrastare. ~ boicottare. <> agevolare. 
  v. tr. 1 to prevent. 2 (ostacolare, ostruire) to obstruct. 3 (impacciare) to hinder. 
  lat. impedire, comp. da in-+ deriv. da pes, pedis piede. 

\impeditìvo, agg. Che impedisce, che è atto a impedire. 

\impedìto, agg. 1 Che non ha normale libertà di movimento; disabile, minorato, handicappato. ~ invalido. 2 Impacciato, legato, imbranato, goffo. ~ maldestro. 

\impegnàre, v. v. tr. 1 Dare in pegno per avere in cambio denaro. ~ ipotecare. <> disimpegnare, spignorare. aveva impegnato tutta l'argenteria di famiglia. 2 Riservare mediante prenotazione o accordo. ~ prenotare. <> lasciar libero. 3 Vincolare solennemente. ~ obbligare. 4 Tenere occupato. ~ riservare. <> liberare. 5 Adoperare. ~ impiegare. 6 Impigliare. 7 Attaccare. ~ ingaggiare. 8 Richiedere un'intensa attività e dispendio di energie; assorbire. ~ occupare. 
v. intr. Scommettere. 
v. intr. pron. o rifl. 1 Promettere di fare qualcosa; vincolarsi, incaricarsi. ~ obbligarsi. <> disimpegnarsi. si era impegnato a farlo e non poteva deluderli. 2 Intraprendere qualcosa con impegno, dedizione, impeto; darsi da fare, prodigarsi, concentrarsi, affaccendarsi, sforzarsi, dedicarsi. ~ industriarsi. doveva impegnarsi a fondo per passare quell'esame. 3 Fare molti pegni. 4 Impigliarsi. 5 Indebitarsi. ~ compromettersi. 
  v. tr. 1 to pledge, to pawn. 2 (prenotare) to reserve, to book. 3 (vincolare) to bind. 4 (tenere occupato) to engage. v. intr. pron. 1 to commit oneself. 2 (dedicarsi) to dedicate oneself to. 
  da in-+ deriv. da pegno

\impegnatìva, sf. Documento col quale un ente mutualistico si impegna a pagare una prestazione sanitaria che non può fornire direttamente a un assistito. 

\impegnatìvo, agg. 1 Che impegna; gravoso, difficile, oneroso. ~ faticoso. <> facile. 2 Vincolante. ~ obbligante. 
  agg. exacting, demanding, binding. 
  deriv. da impegnare. 

\impegnàto, agg. 1 Dato in pegno. ~ ipotecato. 2 Obbligato, vincolato. ~ legato. 3 Prenotato. ~ riservato. <> disponibile. 4 Che ha promesso. 5 Di persona, gruppo o movimento che si impegna attivamente nel campo etico-sociale, che affronta i problemi politici e sociali del momento. ~ politicizzato. 6 Preso, assorbito. ~ occupato. 
  agg. (occupato) busy. 

\impégno, sm. 1 Vincolo che impegna; dovere, vincolo, promessa. ~ obbligo. non riusciva a far fronte a tutti i suoi impegni. 2 Faccenda, mansione, appuntamento, briga. ~ incombenza. 3 Cura attenta, diligente; zelo, applicazione, coscienza, sollecitudine, premura. ~ diligenza. <> negligenza. non mostrava molto impegno nello studio. 4 Volontà di porre la propria attività a sostegno di ideali o ideologie di carattere etico-sociale o politico. 5 Onere, peso. ~ carico. 6 Appuntamento. ~ incontro. 
  sm. 1 obligation, commitment. 2 (obbligo) obligation. 3 (incombenza) engagement. 4 (zelo) dedication, zeal. 5 (promessa) promise. 6 (appuntamento) appointment. 
  deriv. da impegnare

\impegolàre, v. v. tr. Impiastrare di pece. 
v. rifl. Mettersi negli impicci. ~ impelagarsi. 

\impelagàrsi, v. intr. pron. Mettersi in situazioni spiacevoli o rischiose. ~ impegolarsi. 

\impellènte, agg. 1 Che spinge, che dà impulso. ~ pressante. 2 Urgente, irrimandabile, pressante. ~ incalzante. <> dilazionabile. 
  agg. urgent, pressing. 

\impellenteménte, avv. In modo impellente; imperiosamente. ~ urgentemente. 

\impellènza, sf. Necessità urgente. ~ urgenza. 

\impèllere, v. tr. Spingere. 

\impellicciàre, v. tr. 1 Coprire di pelliccia. 2 Coprire lavori di legno comune con fogli sottili di legni pregevoli. ~ impiallacciare. 

\impellicciàto, agg. 1 Coperto di pelliccia. 2 Impiallacciato. 

\impenetràbile, agg. 1 Che non può essere penetrato; inesplorabile, invalicabile. ~ chiuso. <> penetrabile. 2 Di luogo in cui non si può passare; inviolabile, inattaccabile. ~ inaccessibile. 3 Inesplicabile, enigmatico, incomprensibile, indecifrabile, oscuro, imperscrutabile, ermetico. ~ misterioso. 
<> comprensibile. 
  agg. impenetrable. 

\impenetrabilità, sf. 1 L'essere impenetrabile. ~ invalicabilità, inviolabilità. <> penetrabilità, comprensibilità. 2 Qualità di impenetrabile. 

\impenetrabilménte, avv. In modo impenetrabile. ~ imperscrutabilmente. 

\impenitènte, agg. 1 Che non si pente. ~ recidivo. <> penitente. 2 Che si ostina in un atteggiamento, in un vizio, in una condizione; ostinato, irriducibile, incorreggibile. ~ incallito. <> contrito. 
  agg. inveterate. 

\impenitènza, sf. L'essere impenitente. ~ ostinatezza. <> contrizione. 
  lat. tardo impaenitentia. 

\impennacchiàre, v. v. tr. Ornare con pennacchi. 
v. rifl. Ornarsi con pennacchi. 

\impennàggio, sm. Complesso di superfici disposte nella parte posteriore di aeroplani e in generale velivoli e ordigni aerei che servono ad assicurarne la stabilità e il comando. 

\impennàre, v. v. tr. 1 Puntare bruscamente un velivolo verso l'alto. ~ cabrare. 2 Munire di impennaggio. 3 Rivestire di penne. 4 Coprire di penne. 
v. intr. pron. 1 Di cavalli, alzarsi sulle gambe posteriori. ~ imbizzarrirsi. 2 Di velivoli o natanti, volgere la prua verso l'alto. 3 Inalberarsi, reagire bruscamente, stizzirsi. ~ risentirsi. <> rabbonirsi. 
  v. intr. pron. 1 (cavallo) to rear up. 2 (fig., risentirsi) to bridle. 
  spagn. empinare levarsi in alto; nei significati [3]e [4]: da in-+ deriv. da penna

\impennàrsi, v. intr. pron. 1 Ergersi sulle zampe posteriori riferito di solito a un cavallo. 2 Inerpicarsi di una strada. 3 Mostrarsi irritato. ~ stizzirsi. 

\impennàta, sf. 1 L'impennarsi dell'aeroplano e del cavallo. ~ cabrata. <> picchiata. 2 Collera improvvisa. ~ scatto. 3 Rialzo improvviso. 

\impennatùra, sf. 1 Il complesso delle penne di un uccello. 2 Le penne che sono poste nella parte terminale di una freccia e che servono per stabilizzarla durante il lancio. 

\impénne, agg. Riferito a Uccelli con ali rudimentali, sprovviste di penne remiganti come i pinguini. 

\impensàbile, agg. 1 Che non è pensabile; inaccettabile. ~ inconcepibile. <> concepibile. 2 Imprevedibile. ~ inimmaginabile. <> prevedibile. 3 Che non può avere attinenza con la realtà. ~ assurdo. <> ipotizzabile. 

\impensabilménte, avv. In modo impensabile; incomprensibilmente, assurdamente. ~ inconcepibilmente. 

\impensataménte, avv. 1 In modo inaspettato. ~ imprevedibilmente. <> prevedibilmente. 2 Senza pensarci sopra. ~ improvvisamente. 

\impensàto, agg. 1 Inaspettato, inatteso, imprevisto. ~ improvviso. <> previsto. 2 Estemporaneo. ~ improvvisato. <> pianificato. 
  agg. unexpected, unforeseen. 

\impensierìre, v. v. tr. Mettere in pensiero; crucciare, turbare. ~ preoccupare. <> rasserenare. 
v. intr. pron. Essere in pensiero, in ansia; turbarsi. ~ preoccuparsi. <> tranquillizzarsi. 
  v. tr. e intr. pron. to worry. 

\impensierìto, agg. Preoccupato, crucciato, pensieroso. ~ inquieto. 

\impepàre, v. tr. 1 Condire con pepe. 2 Mettere molto pepe. 

\imperànte, agg., sm. e sf. agg. 1 Che impera. ~ regnante. 2 Che condiziona tutti, che domina su tutto. ~ condizionante. 
sm. e sf. Chi impera. 

\imperàre, v. intr. 1 Detenere ed esercitare l'autorità imperiale. 2 Comandare in modo assoluto. ~ dominare. 3 Essere predominante. ~ prevalere. 
  v. intr. to rule, to reign. 

\imperativàle, agg. Usato nella locuzione composto imperativale, per indicare una voce verbale composta da un imperativo e da un sostantivo. 

\imperativaménte, avv. In modo imperativo. ~ imperiosamente, autoritariamente. 

\imperatività, sf. 1 L'essere impegnativo; obbligatorietà. ~ inderogabilità. 2 Qualità intrinseca alle norme giuridiche che fissano rigidamente la linea di condotta dei destinatari. 

\imperatìvo, agg. e sm. agg. 1 Che esprime, denota comando; autoritario, imperioso, ingiuntivo, tassativo. ~ perentorio. <> discrezionale. 2 Severo. ~ rigido. 
sm. Uno dei modi del verbo che esprime comando o esortazione; ingiunzione, ordine. ~ obbligo. 
  agg. e sm. imperative. 

\imperatóre, sm. 1 Il sovrano di un impero; kaiser, sultano, zar, scià. 2 Titolo dato alla somma autorità politica e militare dell'antica Roma. 
  sm. emperor. 
  lat. imperator,-oris. 

\Imperatore Jones, L' Dramma di E. O'Neill (1920). 

\imperatòrio, agg. 1 Dell'impero o dell'imperatore. 2 Dispotico, tirannico. ~ autoritario. 
  lat. imperatorius. 

\imperatrìce, sf. 1 Sovrana di un impero. 2 Moglie di un imperatore. 
  sf. empress. 

\Imperatrice Caterina, L' Film drammatico, americano (1934). Regia di Josef von Stenberg. Interpreti: Marlene Dietrich, John Lodge. Titolo originale: The Scarlet Empress 

\impercettìbile, agg. 1 Che non si percepisce; indistinguibile, invisibile. ~ inavvertibile. <> percepibile. 2 Che si percepisce a stento; leggerissimo, trascurabile, irrilevante. ~ lieve. <> rilevante. 3 Sfuggente. ~ inafferrabile. 
  agg. imperceptible. 

\impercettibilità, sf. L'essere impercettibile. ~ inavvertibilità. <> percettibilità. 

\impercettibilménte, avv. In modo impercettibile; lievissimamente, insensibilmente. ~ leggerissimamente. <> percettibilmente. 

\impercorrìbile, agg. Che non si può percorrere. <> percorribile. 

\imperdonàbile, agg. Che non si può perdonare o scusare; ingiustificabile, inammissibile, intollerabile. ~ grave. <> perdonabile. 
  agg. unpardonable, unforgivable. 

\imperdonabilità, sf. L'essere imperdonabile. 

\imperfettaménte, avv. In modo imperfetto; incompletamente, male. ~ insufficientemente. <> perfettamente. 

\imperfettìbile, agg. Che non è perfettibile. <> perfettibile. 

\imperfettibilità, sf. L'essere imperfettibile. 

\imperfettìvo, agg. Di aspetto verbale che esprime un'azione nel suo svolgimento. 

\imperfètto, agg. e sm. agg. 1 Non giunto a compimento, non terminato; incompleto. ~ incompiuto. <> compiuto. 2 Che ha qualche difetto; manchevole, impreciso. ~ difettoso. <> perfetto. la realizzazione imperfetta del prototipo ha condizionato i risultati. 3 Malformato. ~ informe. 
sm. Tempo del verbo che indica un'azione passata che è continuata per un certo tempo. 
  agg. e sm. imperfect. 
  lat. imperfectus, comp. da in-+ perfectus, p.p. di perficere, portare a termine. 

\imperfezióne, sf. 1 L'essere imperfetto. 2 Mancanza, deficienza, pecca. ~ difetto. <> perfezione. 3 Anomalia. ~ stranezza. 4 Inesattezza. ~ imprecisione. 
  sf. 1 imperfection. 2 (pecca) defect. 
  lat. tardo imperfectio,-onis. 

\imperforàbile, agg. Che non può essere perforato. <> perforabile. 

\Impèria Città capoluogo di provincia della Liguria (41.100 ab., CAP 18100, TEL. 0183) sul torrente Impero. Nacque dalla fusione, avvenuta il 21 ottobre 1923, di Oneglia e Porto Maurizio. Segue la tradizione olearia ligure (produzione e commercio). Il settore industriale riguarda anche pasta e saponi. La produzione agricola comprende frutta e ortaggi. Fiorente il commercio di fiori e il turismo balneare. Già cittadina romana, si sviluppò soprattutto nel medioevo. Tra le bellezze artistiche vi sono il nucleo medievale di Porto Maurizio, la Collegiata di San Giovanni Battista del XII sec. e il collegio degli scolopi a Oneglia. 
Provincia di Imperia 
(219.000 ab., 1.155 km2) È la provincia ligure più occidentale. Le principali coltivazioni agricole riguardano agrumi, frutta, olio, ortaggi e vino. Intensa la produzione di fiori e l'attività turistica. 

\Imperial Chemical Industries Limited (ICI) Industria chimica inglese creata nel 1926 e operante in tutto il mondo in molti settori della chimica quali i prodotti farmaceutici, le fibre sintetiche e artificiali e le specialità chimiche. 

\imperiàle, agg. e sm. agg. 1 Dell'impero, dell'imperatore. Regale. ~ maestoso. 
  lat. tardo imperialis. 
sm. 1 Al plurale, seguace dell'imperatore. 2 Soldato del Sacro Romano Impero. 3 Parte superiore del veicolo attrezzata per trasportare i bagagli. 
  agg. imperial. 
  franc. impérial. 

\Imperiàle, canàle Il più lungo canale (1.700 km) artificiale della Cina. Collega i fiumi Huang He e Chang Jiang. 

\imperialìsmo, sm. Tendenza di uno stato a espandere il proprio dominio territoriale o economico su altre nazioni. Ne sono state fatte teorizzazioni in chiave sia economica sia ideologica e politica. Il significato più attuale riguarda l'espansione egemonica di tipo politico, militare ed economico. 
  sm. imperialism. 

\imperialìsta, sm. e sf. (pl. m.-i) Fautore dell'imperialismo. ~ colonialista. 

\imperialìstico, agg. (pl. m.-ci) 1 Di imperialismo. 2 Che mira all'imperialismo. 

\impèrio, sm. 1 Impero. 2 Azione di comando. 

\imperiosaménte, avv. In modo imperioso; dispoticamente. ~ autoritariamente. 

\imperiosità, sf. L'essere imperioso. 

\imperióso, agg. 1 Che comanda con autorità e alterigia. ~ dispotico. 2 Di modi di persona imperiosa; imperativo, dispotico, tassativo. ~ autoritario. 3 Impellente, pressante. ~ irresistibile. <> procrastinabile. 
  agg. 1 imperious. 2 (esigenza) pressing, urgent. 
  lat. imperiosus, deriv. da imperium comando. 

\imperìto, agg. Che non è pratico. ~ inesperto. <> perito. 

\imperitùro, agg. Che non può perire; immortale, perenne. ~ eterno. <> perituro, mortale, effimero. 

\imperium, sm. invar. Il potere dei più alti magistrati nell'antica Roma, diverso dalla potestas che indicava il potere di tutti i magistrati in genere. 

\imperìzia, sf. 1 Mancanza di perizia, di pratica su ciò che si dovrebbe conoscere; incapacità, inettitudine. ~ inesperienza. <> perizia. 2 Insufficiente preparazione o incapacità che può dar luogo a colpa; incompetenza. ~ sprovvedutezza. <> competenza. 
  sf. lack of experience. 

\imperlàre, v. v. tr. 1 Ornare di perle. 2 Coprire di goccioline simili a perle. 
v. intr. pron. Coprirsi di goccioline simili a perle. 

\impermalìre, v. v. tr. Fare indispettire. ~ offendere. 
v. intr. pron. Aversela a male; offendersi, inalberarsi, stizzirsi. ~ risentirsi. 
  v. intr. pron. to take offence. 

\impermeàbile, agg. e sm. agg. 1 Che non si lascia attraversare dai liquidi. ~ idrorepellente. <> permeabile. 2 Che non si lascia attraversare da fluidi, radiazioni, polveri. 3 Refrattario. ~ insensibile. <> vulnerabile. era impermeabile a quei facili entusiasmi
sm. Soprabito in tessuto impermeabile usato per riparasi dalla pioggia. ~ trench. 
  agg. 1 impermeable. 2 (all'acqua) waterproof. sm. raincoat, trench coat. 
  lat. tardo impermeabilis, comp. da in-+ permeabilis percorribile. 

\impermeabilità, sf. L'essere impermeabile. <> permeabilità. 

\impermeabilizzànte, agg. e sm. Di sostanza usata per impermeabilizzare. 

\impermeabilizzàre, v. tr. Rendere impermeabile. 
  v. tr. to waterproof. 

\impermeabilizzàto, agg. Reso impermeabile. 

\impermeabilizzazióne, sf. L'impermeabilizzare, l'essere impermeabilizzato. 

\impermeabilménte, avv. In modo impermeabile. <> permeabilmente. 

\imperniàre, v. v. tr. 1 Fissare con perni. ~ incernierare. l'ago della bussola è imperniato al centro. 2 Fornire di perni. 3 Appoggiare come su un perno; fondare, incentrare. ~ basare. imperniò l'intervento su quell'unico fatto
v. intr. pron. 1 Fissarsi con un perno. 2 Basarsi. ~ fondarsi. 
  v. tr. to hinge. v. intr. pron. (basarsi) to be based. 
  da in-+ deriv. da pernio

\impèro, sm. 1 Dignità e dominio dell'imperatore. 2 Organismo politico costituito da un territorio molto esteso sottoposto a un'unica autorità, avente il titolo di imperatore. 3 Il territorio soggetto all'imperatore. 4 Potere assoluto, autorità piena. ~ imperio. 5 Ordine risoluto. ~ comando. 6 Dominio, potere. ~ autorità. 7 Tipo di stile ornamentale ispirato al neoclassico. 8 La sfera di supremazia e di influenza di un ente. 
  sm. 1 empire. 2 (autorità) control. 
  lat. imperium. 
Imperi famosi furono l'Austro-ungarico, il Bizantino, il Francese Primo (Napoleone I), il Francese Secondo (Napoleone III), il Latino d'oriente, l'Impero romano, l'Ottomano, il Sacro Romano Impero. 
Nell'arte, stile neoclassico ornamentale nato in Francia nel XIX sec. sotto Napoleone. Ebbe le sue particolari dottrine formulate da Cordemoy, Laugier e Leodoux in Francia, da Algarotti e Milizia in Italia, che posero i principi di un'architettura funzionale e razionale. Alla fantasia esuberante e decorativa dell'architettura barocca e del rococò, si sostituirono la corrispondenza funzionale delle costruzioni al loro scopo, la lineare semplicità delle decorazioni. Partendo da questi principi, gli architetti neoclassici cercarono la bellezza ideale ispirandosi ai modelli formali dell'antichità classica, unendola alla semplice funzionalità, ricorrendo anche a vecchi materiali utilizzati in modo nuovo. I principali esponenti del neoclassicismo italiani furono: Giuseppe Piermarini (autore del teatro della Scala di Milano, del palazzo Reale, del palazzo di Belgioioso, delle ville di Monza e Cassano d'Adda ecc.), Simone Cantoni, Giocondo Albertolli, Giuseppe Camporese e poi ancora Luigi Cagnola, Luigi Canonica, Carlo Barabino (sistemazione piazza Ferrari a Genova), Pasquale Poccianti, Antonio Canova (tempio di Possagno ecc.), Giuseppe Barbieri (municipio di Verona), il Mollari e il Nobile, che senza eccezionali opere singole crearono la Trieste neoclassica. Importanti opere neoclassiche estere sono: la porta di Brandeburgo a Berlino, i rifacimenti e gli arredamenti interni di Versailles, il teatro di Bordeaux (modello per altri numerosi teatri europei), l'arco trionfale di Mosca ecc. 

\Impero dei segni, L' Saggio di R. Barthes (1970). 

\Impèro délle Ìndie Territorio che inglobava i possedimenti della Compagnia inglese delle Indie orientali tra il 1877 e il 1947. I sovrani inglesi mantennero il titolo di imperatori delle Indie fino alla dichiarazione di indipendenza dell'India del 15 agosto 1947. 

\Impèro ottomàno => "Ottomano (impero) " 

\Impèro romàno (Sacro) => "Sacro Romano Impero " 

\Impèro romàno germànico (Sacro) => "Sacro Romano Impero " 

\imperscrutàbile, agg. Che non si può scrutare; che non si può intendere; impenetrabile, incomprensibile. ~ indecifrabile. <> comprensibile. 
  agg. inscrutable. 

\imperscrutabilità, sf. L'essere imperscrutabile. ~ impenetrabilità. <> chiarezza. 

\imperscrutabilménte, avv. In modo imperscrutabile; impenetrabilmente. ~ misteriosamente. 

\impersonàle, agg. e sm. agg. 1 Che non si riferisce a una persona determinata; oggettivo, distaccato, generico. ~ imparziale. <> determinato. 2 Di verbo, costruzione, modo, privo di un soggetto determinato. 3 Privo di originalità; anonimo, scialbo, piatto. ~ comune. <> originale. stile impersonale. 4 Oggettivo. 
sm. Verbo impersonale. 
  agg. impersonal. 
  lat. impersonalis, comp. da in-+ personalis personale. 

\impersonalità, sf. L'essere impersonale; banalità, genericità. ~ ovvietà. <> originalità. 

\impersonalménte, avv. 1 In modo impersonale; anonimamente. ~ banalmente. 2 In forma impersonale. ~ indeterminatamente. 

\impersonàre, v. v. tr. 1 Dare a un concetto astratto la forma di una persona; rappresentare come persona. ~ personificare. 2 Interpretare una parte come attore. ~ rappresentare. 
v. intr. pron. Diventare come persona. ~ incarnarsi. 
v. rifl. Farsi interprete molto fedele. 
  v. tr. 1 to personify. 2 (attore) to play. 
  da in-+ deriv. da persona. 

\impersuadìbile, o impersuasìbile, agg. Che non si può convincere. 

\impertèrrito, agg. Che non si lascia spaventare; impassibile, impavido, indifferente. ~ imperturbabile. <> impressionabile. 
  agg. unperturbed, impassive, fearless. 
  lat. imperterritus, comp. da in-+ perterritus, p.p. di perterrere atterrire. 

\impertinènte, agg., sm. e sf. agg. 1 Che manca di riguardo; insolente, sfrontato, irriverente. ~ sfacciato. <> rispettoso. 2 Non pertinente. ~ inopportuno. <> pertinente. 
sm. e sf. Persona impertinente. 
  agg. impertinent. 

\impertinenteménte, avv. In modo impertinente. ~ insolentemente. <> educatamente. 

\impertinènza, sf. L'essere impertinente; sfacciataggine, arroganza. ~ insolenza. <> cortesia. 

\imperturbàbile, agg. Che non si turba, che non si commuove; freddo, insensibile, distaccato. ~ impassibile. <> impressionabile. 
  agg. imperturbable. 

\imperturbabilità, sf. L'essere imperturbabile. ~ impassibilità. <> impressionabilità. 

\imperturbabilménte, avv. In modo imperturbabile; serenamente, tranquillamente. ~ flemmaticamente. <> freneticamente. 

\imperturbàto, agg. Non perturbato, non commosso, flemmatico, tranquillo. ~ sereno. <> agitato. 
  lat. imperturbatus. 

\imperversàre, v. intr. 1 Scatenarsi come una furia; accanirsi, insistere, sfrenarsi. ~ infierire. <> difendere. 2 Dilagare senza misura; strafare. ~ incrudelire. imperversava la moda dei capelli lunghi. 3 Di elementi naturali, epidemie e simili, manifestarsi violentemente. ~ diffondersi. <> ritrarsi. un uragano imperversava su di lui
  v. intr. to rage. 
  da in-+ deriv. da perverso

\impervietà, sf. L'essere impervio. ~ inaccessibilità. <> accessibilità. 

\impèrvio, agg. 1 Di luogo, senza vie di accesso o con vie malagevoli; inaccessibile, duro, scosceso. ~ impraticabile. <> accessibile. 2 Di difficile soluzione; problematico. ~ arduo. <> realizzabile. 
  lat. impervius, comp. da in-+ deriv. da pervius accessibile. 

\impestàre, v. tr. Appestare. ~ contagiare, infettare. <> bonificare, disinfestare. 
  da in-+ deriv. da peste. 

\impetìgine, sf. Infezione cutanea caratterizzata da una vescicola circondata da eritema. Causata da streptococchi emolitici di gruppo A, colpisce i bambini principalmente nella stagione estiva. L'infezione si diffonde per contatto diretto e può dare luogo a epidemie circoscritte. L'eruzione cutanea colpisce principalmente le parti più esposte, come il viso e il collo. Il rispetto delle norme igieniche è importante soprattutto per impedire la diffusione dell'impetigine, ma anche per evitare complicazioni dovute a reinfezione e autoinoculazione. 

\ìmpeto, sm. 1 Moto violento e improvviso di cosa o persona; precipitazione, concitazione, furia, scatto, veemenza. ~ irruenza. <> freddezza. 2 Moto violento o improvviso dell'animo; slancio, foga, trasporto. ~ impulso. <> calma. 3 Aggressione, attacco. ~ assalto. 
  sm. 1 force, impetus. 2 (assalto) onslaught. 3 (impulso) outburst. 4 (slancio) transport. 5 (con impeto) vehemently. 
  lat. impetus,-us, deriv. da impetere dirigersi contro. 

\impetràre, v. v. tr. 1 Ottenere mediante preghiere. 2 Chiedere supplicando. ~ supplicare. 
v. tr. e intr. Impietrire. 

\impettìrsi, v. intr. pron. 1 Porsi in posizione eretta sul busto. 2 Assumere un atteggiamento rigido. 

\impettìto, agg. 1 Diritto e col petto in fuori; rigido, impalato. ~ inamidato. 2 Tronfio. 
  agg. erect, stiff. 

\impetuosaménte, avv. In modo impetuoso. ~ veementemente. <> tranquillamente. 

\impetuosità, sf. L'essere impetuoso; veemenza. ~ furia. <> pacatezza. 

\impetuóso, agg. 1 Pieno di impeto. ~ veemente. <> flemmatico. 2 Che agisce con violenza. ~ travolgente. <> delicato, dolce. 3 Che tende a lasciarsi trasportare da sentimenti improvvisi; ardente, focoso, irruente. ~ irriflessivo. <> tranquillo. 
  agg. 1 impulsive, impetuous. 2 (vento) raging, strong. 3 (acqua) rushing. 
  lat. tardo impetuosus, deriv. da impetus,-us impeto. 

\Imphal Città (196.000 ab.) dell'India, sul fiume omonimo. Capitale dello stato di Manipur. 

\impiagàre, v. v. tr. 1 Coprire di piaghe. 2 Ferire. 
v. intr. pron. Coprirsi di piaghe. 

\impiallacciàre, v. tr. Coprire lavori di legno comune con fogli sottili di legni più pregiati. ~ impellicciare. 

\impiallacciàto, agg. Di legno rivestito di un foglio di un altro legno più pregiato. 

\impiallacciatóre, sm. (f.-trìce) Chi impiallaccia i mobili. 

\impiallacciatùra, sf. 1 L'impiallacciare. 2 Rivestimento della superficie esterna di un mobile con fogli di legno pregiato di spessore variabile tra i 0,5 e i 5 mm. 
Doppia impiallacciatura 
Rivestimento su entrambe le facce di una superficie. 

\impiantàbile, agg. Che si può impiantare. 

\impiantàre, v. v. tr. 1 Sistemare le parti di base di una struttura, di una macchina o di un apparecchio. ~ installare. 2 Mettere su; fondare, istituire. ~ avviare. <> chiudere. volevano impiantare un'azienda in quella zona. 3 Predisporre e fissare le linee principali di svolgimento di un dibattito. ~ impostare. 4 Mettere a dimora. ~ piantare. 
v. intr. pron. Collocarsi stabilmente. ~ fissarsi. 
  v. tr. 1 to install. 2 (avviare) to start, to establish. 
  da in-+ deriv. da pianta

\impiantìsta, sm. e sf. (pl. m.-i) Specialista in lavori di impiantistica. ~ installatore. 
  deriv. da impianto. 

\impiantìstica, sf. Settore dell'ingegneria che si occupa della progettazione e della costruzione di impianti industriali. 

\impiantìto, sm. Il pavimento di una stanza. 

\impiànto, sm. 1 Serie di operazioni iniziali per avviare un'attività; fondazione, avviamento, collocazione. ~ installazione. 2 Struttura, assetto, impostazione. ~ organizzazione. 3 Sostituzione di un organo o di parte di esso con una struttura artificiale. ~ trapianto. 4 Insieme di attrezzature, apparecchi e altro indispensabili a un determinato fine. ~ strumentazione. l'impianto elettrico era saltato a causa del fulmine. 5 Insieme delle attrezzature e delle armi pesanti di una postazione di artiglieria. 
  sm. 1 system, plant. 2 (installazione) installation. 3 (elettrico) wiring. 4 (sportivo) sports complex, sports facilities. 
  deriv. da impiantare

\impiastràre, v. v. tr. 1 Spalmare di una materia vischiosa. 2 Insudiciare, inzaccherare, sporcare, impiastricciare. ~ imbrattare. 
v. intr. pron. 1 Sporcarsi con sostanze vischiose. 2 Insudiciarsi, imbrattarsi. ~ inzaccherarsi. 3 Fare alleanza. ~ accordarsi. 
  lat. tardo emplastrare, deriv. da emplastrum impiastro. 

\impiastricciàre, v. v. tr. Imbrattare, inzaccherare. ~ impiastrare. 
v. intr. pron. Inzaccherarsi. ~ impiastrarsi. 

\impiàstro, sm. 1 Medicamento emolliente che si applica sulla parte malata; applicazione, impacco. ~ cataplasma. 2 Rimedio. 3 Lavoro eseguito male; pasticcio, imbroglio. ~ pastrocchio. 4 Persona seccante o noiosa; lagna, pittima. ~ piaga. 5 Persona delicata o malaticcia. 
  sm. 1 (persona) nuisance. 2 (impacco) poultice. 
  lat. emplastrum, dal greco èmplastros. 

\impiccagióne, sf. Pena capitale nella quale il condannato viene impiccato. 
  deriv. da impiccare. 

\impiccaménto, sm. L'impiccare, l'impiccarsi. 

\impiccàre, v. v. tr. 1 Sospendere per la gola a un capestro fino al raggiungimento della morte; appendere, appiccare. ~ giustiziare. 2 Mettere in difficoltà; costringere. ~ incalzare. 3 Di colletto e simili, stringere eccessivamente la gola; strangolare. ~ strozzare. 
v. rifl. 1 Uccidersi appendendosi per il collo. ~ suicidarsi. 2 Impegnarsi con vincoli troppo gravosi. 
  v. tr. to hang. v. rifl. to hang oneself. 

\impiccàto, agg. e sm. Che, chi è stato ucciso per impiccagione. ~ giustiziato. 

\impicciàre, v. v. tr. Impacciare, ostacolare, intralciare, complicare. ~ ingombrare. 
v. intr. pron. 1 Ingerirsi, interessarsi, intromettersi. ~ immischiarsi. <> disinteressarsi. 2 Intrufolarsi, mischiarsi. ~ mescolarsi. 
  v. tr. to hamper, to hinder. v. intr. pron. to meddle in. 

\impicciàto, agg. 1 Intralciato da una serie di lavori noiosi e di seccature. 2 Imbarazzato. ~ impacciato. 3 Intricato. ~ imbrogliato. 

\impiccinìre, v. v. tr. Rendere più piccolo. 
v. intr. Diventare piccolo. 
v. tr. Coprire con pidocchi. 
v. intr. pron. 1Coprirsi di pidocchi. 2 Ridursi in uno stato di pietosa meschinità. 

\impìccio, sm. 1 Impaccio, ostacolo, complicazione. ~ impedimento. 2 Guaio, difficoltà, impedimento, contrattempo, noia. ~ seccatura. 
  sm. 1 (impedimento) hindrance. 2 (seccatura) trouble. 
  deriv. da impicciare. 

\impiccióne, sm. (f.-a) Chi ha l'abitudine di impicciarsi dei fatti altrui; curioso, intrigante, pettegolo. ~ ficcanaso. <> discreto. 

\impiccolìre, v. v. tr. Fare diventare piccolo o più piccolo. ~ rimpicciolire. <> ingrandire. 
v. intr. e intr. pron. Diventare piccolo. ~ rimpicciolirsi. 

\impiegàbile, agg. Che si può impiegare. ~ utilizzabile. <> inservibile. 

\impiegàre, v. v. tr. 1 Usare per un determinato scopo; usare, utilizzare. ~ adoperare. 2 Assumere qualcuno per un lavoro retribuito; adibire. ~ occupare. <> licenziare. 3 Consumare. ~ spendere. 4 Investire. 
v. rifl. 1 Trovare lavoro come impiegato. 2 Dedicarsi. ~ applicarsi. 
  v. tr. 1 to employ, to use. 2 (assumere) to take on, to employ. 3 (tempo) to spend. v. rifl. to get a job. 
  lat. implicare avvolgere. 

\Impiegati Film commedia, italiano (1885). Regia di Pupi Avati. Interpreti: Claudio Botosso, Elena Sofia Ricci, Luca Barbareschi. 

\impiegatìzio, agg. Degli impiegati; relativo agli impiegati. 

\impiegàto, agg. e sm. agg. Adoperato. ~ utilizzato. 
sm. Chi è addetto ai lavori non manuali in un ufficio; burocrate, commesso. ~ funzionario. 
  sm. 1 employee. 2 (statale) state employee. 

\impiègo, sm. (pl.-ghi) 1 L'impiegare e il modo. ~ utilizzazione. 2 Occupazione fissa presso un ufficio. ~ posto. 3 Qualsiasi lavoro dipendente. ~ posto. 4 Lavoro, attività. ~ professione. 5 Incarico. ~ incombenza. 
  sm. 1 position, job. 2 (uso) use. 3 (occupazione) employment. 4 (offerta d'impiego) vacancy. 
  deriv. da impiegare
Impiego privato 
Rapporto di lavoro tra privati regolato da un contratto di lavoro secondo la categoria. 
Impiego pubblico 
Rapporto di lavoro tra privati e lo stato o un ente pubblico. È regolato da contratti e da norme speciali a seconda delle categorie. 

\impietosaménte, avv. In modo impietoso, spietatamente, disumanamente. ~ crudelmente. 

\impietosìre, v. v. tr. Muovere a pietà. ~ commuovere. 
v. intr. pron. Muoversi a pietà. ~ commuoversi. 
  to move to pity. v. intr. pron. to be moved to pity. 

\impietóso, agg. Privo di pietà; crudele, disumano. ~ spietato. <> pietoso. 
  agg. pitiless, merciless. 

\impietràre, o impietrìre, v. v. tr. 1 Trasformare in pietra. 2 Limitare l'impeto di un'azione. 
v. intr. e intr. pron. 1 Diventare di pietra. 2 Sentire una sensazione di gelo o d'umiliazione. 

\impietriménto, sm. Il diventare di pietra o simile a pietra. ~ pietrificazione. 

\impietrìre, v. v. tr. 1 Rendere di pietra o simile a pietra. ~ pietrificare. 2 Rendere duro, insensibile. 3 Agghiacciare, raggelare. ~ terrorizzare. quell'affermazione lo fece impietrire
v. intr. e intr. pron. 1 Diventare di pietra. ~ pietrificarsi. 2 Diventare duro, insensibile. si impietrì per il dolore. 3 Raggelarsi, gelarsi, terrorizzarsi. ~ spaventarsi. 
  v. tr. (fig.) to petrify. 
  da in-+ deriv. da pietra

\impigliàre, v. v. tr. Trattenere avviluppando. ~ intricare. 
v. intr. pron. Rimanere preso e privo della possibilità di muoversi. ~ incastrarsi. 
  v. tr. to entangle, to catch. v. intr. pron. to catch up. 
  da in-+ pigliare. 

\impignoràbile, agg. Che non può essere pignorato. 

\impigrìre, v. v. tr. Rendere pigro. 
v. intr. e intr. pron. 1 Diventare pigro. 

\impilàre, v. tr. Accumulare gli oggetti uno sull'altro formando una pila. 
  franc. empiler. 

\impillaccheràre, v. tr. Imbrattare di fango. ~ infangare. <> ripulire. 

\impinguàre, v. v. tr. 1 Rendere pingue. ~ ingrassare. 2 Fare ricco, rendere abbondante. ~ arricchire. <> impoverire. 3 Riempire. ~ farcire. 
v. intr. pron. 1 Divenire pingue. ~ ingrassarsi. 2 Arricchirsi. ~ avvantaggiarsi. <> impoverirsi. 3 Progredire spiritualmente. 
  lat. tardo impinguare, comp. da in-+ deriv. da pinguis pingue. 

\impinzàre, v. v. tr. 1 Riempire di cibo. 2 Riempire il più possibile. 
v. rifl. Mangiare qualcosa con smoderatezza. 

\impiombàre, v. v. tr. 1 Chiudere, saldare col piombo. 2 Otturare un dente. 3 Sigillare con piombini. 4 Impallinare. 5 Riunire saldamente i due capi di due cavi o funi intrecciandone i fili. 
v. intr. pron. Farsi pesante come piombo. 

\impiombatùra, sf. 1 L'impiombare e l'effetto. 2 Il piombo o il materiale usato per impiombare. 

\impiotaménto, sm. L'impiotare, l'essere impiotato. 

\impiotàre, v. tr. Rivestire di zolle erbose un terreno. 

\impipàrsi, v. intr. pron. Fregarsene di qualcosa. ~ infischiarsene. 

\impiumàre, v. v. tr. 1 Coprire di piume. 2 Decorare con piume. 3 Immergere pelli o panni in bagni coloranti. 
v. intr. pron. Coprirsi di piume, mettere le penne. 

\implacàbile, agg. 1 Che non si può placare; accanito, spietato. ~ inesorabile. <> indulgente. 2 Terribile. ~ crudele. <> buono. 
  agg. relentless. 
  lat. implacabilis, comp. da in-+ placabilis clemente. 

\Implacabili, Gli Film western, americano (1955). Regia di Raoul Walsh. Interpreti: Clark Gable, Jane Russell, Robert Ryan. Titolo originale: The Tall Men 

\implacabilità, sf. L'essere implacabile. ~ ostinatezza, crudeltà. <> bontà. 
  lat. implacabilitas,-atis. 

\implacabilménte, avv. Inesorabilmente, fieramente. ~ ostinatamente. 

\implacàto, agg. 1 Non placato. 2 Implacabile. 

\implantologìa, sf. 1 Ricostruzione chirurgica della capigliatura ottenuta impiantando ciocche di capelli. 2 Sostituzione di denti mancanti mediante protesi impiantate nell'osso della mascella. 

\implementàre, v. tr. 1 In informatica, realizzare un programma o un circuito elettrico che è stato progettato o delineato. 2 rendere concreto, operante, ... uno schema astratto, un progetto, un piano, ...

\implementazióne, sf. L'implementare, l'essere implementato. 

\implicàre, v. v. tr. 1 Coinvolgere qualcuno in qualcosa; immischiare, trascinare. ~ compromettere. <> estromettere. fu implicato in quella faccenda truffaldina. 2 Comprendere in sé. ~ contenere. <> lasciar fuori. 3 Sottintendere, comportare. ~ includere. l'amore implica sacrifici. 4 Dare origine, provocare. ~ causare. 
v. intr. pron. Impigliarsi, intromettersi. ~ invischiarsi. 
  v. tr. 1 to involve, to imply. 2 (comportare) to entail. v. intr. to become involved. 
  lat. implicare, avvolgere, coinvolgere. 

\implicàto, agg. 1 Coinvolto. ~ compromesso. <> estromesso. 2 Sottinteso. ~ incluso. 3 Causato. ~ provocato. 

\implicazióne, sf. 1 L'implicare e l'effetto. ~ conseguenza. <> causa. 2 Di opere letterarie, connessione con il mondo e la cultura precedente. 3 In logica, connettivo che rappresenta il "se ... allora ...". 
  sf. implication. 
  lat. implicatio,-onis intreccio. 

\implicitaménte, avv. In modo implicito; non espressamente. <> esplicitamente. 

\implìcito, agg. Compreso, contenuto in altro, anche se non espresso; sottaciuto, tacito. ~ sottinteso. <> esplicito. l'invito alla festa era implicito per voi che mi avreste aiutato nei preparativi
  agg. implicit. 
  lat. implicitus, p.p. di implicare

\implòdere, v. intr. Rompersi per esplosione. ~ collassare. 

\implorànte, agg. Che mostra implorazione. ~ supplicante. 

\imploràre, v. tr. Chiedere supplichevolmente; pregare, domandare, scongiurare. ~ supplicare. 
  v. tr. 1 to implore. 2 (pietà) to beg for. 
  lat. implorare, comp. da in-+ plorare piangere. 

\implorazióne, sf. 1 L'implorare. 2 La preghiera con cui si implora. ~ supplica, preghiera. 
  lat. imploratio,-onis. 

\implosióne, sf. 1 Fenomeno analogo all'esplosione in cui le pareti di un corpo cavo non vuoto cadono frantumandosi verso l'interno per effetto della pressione esterna; si verifica in alcune stelle (nove, supernove). 2 Fase iniziale dell'articolazione di una consonante occlusiva nel momento in cui si chiude il canale fonatorio. 3 Atteggiamento psicologico di chiusura in se stessi e disinteresse nella comunicazione con gli altri. 

\implosìvo, agg. Di suono articolato con implosione. 

\implùme, agg. Che non ha ancora messo le piume. 

\implùvio, agg. Cortile interno delle case romane in cui si raccoglieva l'acqua piovana che scendeva dai tetti. 

\impoètico, agg. (pl. m.-ci) Non poetico. ~ prosaico, triviale. <> poetico. 

\impolìtico, agg. (pl. m.-ci) 1 Mancanza di senso politico. 2 Inopportuno, imprudente. ~ controproducente. 

\impollinàre, v. tr. Depositare il polline in un fiore. 
  deriv. da in-+ deriv. da polline. 

\impollinatóre, sm. (f.-trìce) Di insetto, animale o elemento naturale che provoca l'impollinazione. 

\impollinazióne, sf. Fecondazione dell'ovaio di un fiore mediante il polline. le api con il loro vagare fra i fiori favoriscono l'impollinazione
  deriv. da impollinare

\impolpàre, v. v. tr. Fare ingrassare. ~ irrobustire. 
v. intr. pron. Ingrassare. ~ rimpolparsi. 

\impoltronìre, v. v. tr. Far diventare poltrone. ~ impigrire. 
v. intr. e intr. pron. Divenire poltrone. ~ infiacchirsi. 

\impolveràre, v. v. tr. Coprire di polvere. ~ infarinare. <> spolverare. 
v. intr. pron. Coprirsi di polvere. ~ infarinarsi. <> spazzolarsi. 
  v. tr. to cover with dust. v. intr. pron. to get dusty. 
  da in-+ deriv. da polvere. 

\impolveràto, agg. Coperto di polvere. <> spolverato. 
  agg. covered with dust. 

\impomatàre, v. v. tr. Ungersi di pomata. 
v. rifl. 1 Ungersi di pomata. 2 Cospargersi i capelli di brillantina. 

\impomatàto, agg. 1 Unto con pomata. 2 Con i capelli cosparsi di brillantina. 

\imponderàbile, agg. 1 Che non si può pesare per la sua grande leggerezza. ~ inquantificabile. <> ponderabile. 2 Che sfugge alla ragione, che non si può prevedere, stabilire, valutare; incalcolabile, indeterminabile. ~ imprevedibile. <> calcolabile. 

\imponderabilità, sf. 1 L'essere imponderabile. 2 Mancanza di peso causata dall'assenza di forza di gravità. 

\imponderabilménte, avv. In modo imponderabile. ~ indeterminatamente. 

\imponènte, agg. 1 Che impone ammirazione, timore, rispetto. ~ impressionante. 2 Grandioso, gigantesco, solenne, superbo. ~ enorme. <> insignificante. 3 Di persona, alto, forte. ~ prestante. 
  agg. imposing, impressive. 

\imponènza, sf. 1 L'essere imponente; maestosità, magnificenza. ~ grandiosità. 2 Gravità. ~ austerità. 

\imponìbile, agg. e sm. agg. 1 Che si può imporre. 2 Che si può tassare. ~ tassabile. <> esentasse. 
sm. Reddito imponibile. 
  agg. taxable. sm. taxable income. 

\imponibilità, sf. Possibilità di un soggetto a essere sottoposto a imposizione fiscale. 

\impopolàre, agg. 1 Non popolare. ~ antipopolare. <> popolare. 2 Inviso, malvisto. ~ sgradito. <> amato. 
  agg. unpopular. 

\impopolarità, sf. L'essere impopolare. <> popolarità. 

\imporporàre, v. v. tr. Tingere di colore rosso porpora. ~ arrossare. 
v. intr. pron. Diventare rosso come la porpora. ~ arrossire. <> sbiancare. 

\impórre, v. v. tr. 1 Mettere sopra. ~ collocare. <> levare. 2 Di legge, far rispettare, far valere. doveva imporre il rispetto assoluto delle regole. 3 Comandare con autorità; ordinare, intimare, prescrivere. ~ ingiungere. gli impose di andarsene da casa sua. 4 Richiedere. ~ esigere. 5 Di nome, dare. ~ assegnare. 
v. intr. pron. o rifl. 1 Farsi valere; far sentire la propria superiorità. ~ predominare. 2 Avere successo; prevalere, emergere, spiccare. ~ affermarsi. finì con l'imporsi la squadra locale. 3 Rendersi necessario; urgere. ~ occorrere. si imponeva una meditazione accurata sul da farsi. 4 Farsi ubbidire, far sentire la propria autorità; conquistare. ~ dominare. 
  v. tr. 1 to impose. 2 (costringere) to make, to force. 3 (ordinare) to order, to command. v. intr. pron. 1 to assert oneself. 2 (successo) to become popular. 3 (occorrere) to become necessary. 
  lat. imponere, comp. da in-+ ponere porre, incrociato con l'italiano porre

\imporrìre, v. tr. Marcire del legno. ~ imputridire. 

\import, sm. invar. Insieme delle importazioni di un'impresa o di una nazione. ~ importazione. <> export. 

\importàbile, agg. 1 Che si può importare. <> esportabile. 2 Che non si può portare. 

\importànte, agg. e sm. agg. 1 Che ha grande interesse o valore; considerevole, notevole. ~ rilevante. <> irrilevante. 2 Di persona, autorevole, ragguardevole. ~ influente. <> ininfluente. 3 Elegante. ~ prestigioso. 4 Grave, vitale. ~ essenziale. <> irrilevante. 5 Caro. ~ amato. 
sm. Ciò che più preme o interessa. ~ essenziale. <> insignificante. 
  agg. important. sm. main point. 

\importànza, sf. 1 L'essere importante; interesse, rilievo, gravità, valore, rilevanza. ~ portata. <> irrilevanza. 2 Considerazione, peso, credito. ~ valore. 3 Entità, autorità. ~ prestigio. 
  sf. 1 importance. 2 (dare importanza) to attach importance. 

\Importanza di chiamarsi Ernesto, L' Commedia di O. Wilde (1895). Il titolo gioca sul doppio significato di Ernesto e molto serio che in inglese ha Ernest. Spiritosa farsa condita di brillanti epigrammi, la commedia mette in ridicolo sia le commedie tradizionali ben fatte sia la seriosità dell'età vittoriana. L'intreccio esiguo si basa essenzialmente su scambi di identità. Due playboy, Algernon Moncrieff e Jack Worthing, corteggiano due ragazze, Cecily Cardew e Gwendolen Fairfax. Il successo di entrambi i corteggiamenti si basa sul fatto che Jack si chiama Ernest (nome che alla fine risulta essere il suo nome di battesimo). Tra i personaggi più pazzi e riusciti, si citano Lady Bracknell e la governante Miss Prism. È condiderata da taluni critici la migliore commedia del Novecento. 

\importàre, v. v. tr. 1 Introdurre in uno stato da paesi stranieri. ~ commerciare. <> esportare. importare petrolio. 2 Di mode, usi ecc., introdurre nel proprio paese. <> esportare. 3 Comportare, richiedere. ~ implicare. era un lavoro che importava parecchio impegno
v. intr. Stare a cuore, interessare, contare. ~ premere. <> infischiarsene. non importa il mio parere, l'importante è che tu sia convinta della decisione. 
v. intr. impers. 1 Avere peso, importanza. ~ interessare. 2 Essere necessario, bisognare. ~ occorrere. 
  v. tr. to import. v. intr. 1 to care, to matter. 2 (essere necessario) to be necessary. 3 (escl., non importa) it doesn't matter. 
  franc. importer, dal lat. importare per la def. v. tr.; nel significato [3] v. tr. e gli altri: lat. importare, portare dentro, cagionare. 

\importatóre, agg. e sm. (f.-trìce) Che, chi effettua importazioni. <> esportatore. 

\importazióne, sf. 1 L'importare merci. ~ import. <> esportazione. 2 L'insieme delle merci importate. 
  sf. 1 importation. 2 (merce) import. 
  deriv. da importare

\impòrto, sm. 1 Entità complessiva di spesa, di costo; ammontare. ~ prezzo. 2 Somma di denaro. 
  sm. amount, sum. 

\importunaménte, avv. In modo importuno. ~ insistentemente. 

\importunàre, v. tr. Recare molestia; infastidire, disturbare, seccare, annoiare, tediare. ~ molestare. <> lasciare in pace. 
  v. tr. to bother. 

\importunità, sf. L'essere importuno; molestia. ~ insistenza. 

\importùno, agg. e sm. agg. Che importuna; indiscreto, molesto, seccante, inopportuno, scocciante, pesante, petulante. ~ fastidioso. <> discreto. 
sm. Chi importuna. ~ seccatore. 
  agg. annoying, irksome. 
  lat. importunus molesto. 

\impositìvo, agg. 1 Di imposizione. 2 Che contiene un'imposizione. 

\imposizióne, sf. 1 L'imporre. 2 Ciò che è imposto; ordine, intimazione, ingiunzione. ~ obbligo. non sopportava simili imposizioni nella sua vita privata. 3 In tipografia, impostazione. 4 Il sottoporre a un'imposta. ~ tassazione. non poteva sottrarsi a quell'imposizione di pagamento. 5 Imposta, tributo. ~ tassa. 
  sf. 1 imposition. 2 (obbligo) command. 3 (ordine) order. 4 (tassa) tax. 
  lat. tardo impositio,-onis, deriv. da impositus, p.p. di imponere imporre. 

\impossessaménto, sm. L'impossessarsi di qualcosa. 

\impossessàrsi, v. intr. pron. 1 Prendere possesso; carpire, appropriarsi. ~ impadronirsi. <> cedere. 2 Acquistare conoscenza di una questione, una materia ecc. 3 Occupare. ~ conquistare. <> abbandonare. 
  v. intr. pron. to seize, to take possession. 

\impossìbile, agg. e sm. agg. 1 Che non è possibile; irrealizzabile, assurdo, difficile, inammissibile. ~ inattuabile. <> possibile. 2 Intollerabile. ~ insopportabile. <> sopportabile. aveva raggiunto una situazione impossibile. 3 Di cibo, cattivo. ~ immangiabile. 4 Di carattere, intrattabile. ~ difficile. è una persona impossibile, da cui non sai mai cosa attenderti. 5 Di gusti, stravaganti. ~ bizzarro. 6 Di reato, che non sussiste in quanto non sussistono le condizioni che lo rendono possibile. 7 Equazione o sistema matematico che non ammette soluzioni. 
sm. Ciò che è impossibile. 
  agg. impossible. 
  lat. impossibilis, comp. da in-+ possibilis possibile. 

\impossibilità, sf. L'essere impossibile. 
  sf. 1 impossibility. 2 (essere nell'impossibilità di fare) to be unable to do. 
  lat. impossibilitas,-atis. 

\impossibilitàre, v. tr. 1 Rendere impossibile. ~ impedire. 2 Mettere qualcuno nella condizione di non potere fare qualcosa. 

\impossibilitàto, agg. Privo della possibilità di fare qualcosa. 

\impòsta, sf. 1 La parte mobile dei serramenti di porte e finestre; anta, scuro, persiana, sportello. ~ battente. 2 Sovvenzione imposta ai cittadini dagli enti pubblici che serve, assieme a tasse e a contributi, per il mantenimento dei servizi pubblici erogati in forma indivisibile e, in generale, per sostenere la spesa pubblica. ~ imposizione, tassa, tributo, dazio. 
  sf. 1 (serramento) shutter. 2 (tassa) tax, taxation. 3 (imposta sul reddito) income tax. 4 (imposta sul valore aggiunto) value added tax. 5 (al netto delle imposte) after tax. 
L'imposta è obbligatoria e, se non versata, comporta sanzioni penali o pecuniarie. Si basa sul principio di progressività, ridefinito in forma tributaria nel 1971: l'aliquota cresce al crescere dell'imponibile. Il tributo che il cittadino deve allo stato è funzione della sua capacità contributiva e, a differenza delle tasse, non corrisponde a nessun servizio specifico offerto dallo stato al cittadino. Oltre alle imposte progressive si hanno imposte di tipo proporzionale, in cui l'aliquota resta costante. 
Imposte dirette 
Sono le imposte che riguardano manifestazioni immediate di capacità contributiva quali attività professionali (reddito) e patrimonio. Esempi ne sono l'ICIAP, imposta comunale sulle attività di esercenti arti e professioni, l'ILOR, imposta locale sui redditi, l'IRPEF imposta sul reddito delle persone fisiche, l'IRPEG imposta sul reddito delle persone giuridiche. 
Imposte indirette 
Sono le imposte che riguardano manifestazioni mediate, quali consumi, fabbricazione e scambi di beni in generale (vendita). Tra le imposte indirette vi sono l'INVIM sull'incremento del valore degli immobili, l'IVA, imposta del valore aggiunto, e le spese doganali. 
Imposta personale 
Imposta che si applica all'insieme dei redditi del contribuente come l'IRPEF e l'IRPEG. 
Imposta reale 
Imposta che riguarda redditi e patrimoni senza considerare la condizione del contribuente, come ILOR e ricchezza mobile. 

\impostàre, v. v. tr. 1 Porre le basi, le premesse per avviare un lavoro, un'attività; iniziare. ~ impiantare. aveva impostato tutto il lavoro preliminare. 2 Sistemare le basi di una struttura e in particolare di una costruzione per poi procedere alla realizzazione. ~ basare. impostare un soffitto a volta. 3 Stabilire i dati di un problema per poi risolverlo. 4 Imbucare. ~ spedire. 
v. rifl. Mettere il proprio corpo nella posizione più adatta per compiere una determinata azione. 
  v. tr. 1 to plan out, to set out. 2 (imbucare) to post. 
  da in-+ postare; nel significato [4]: da in-+ deriv. da posta

\impostazióne, sf. 1 L'impostare, l'essere impostato. 2 Il modo in cui si imposta. 3 L'imbucare lettere, plichi ecc. 

\impostóre, sm. (f.-a) Chi inganna gli altri con menzogne o facendosi credere quello che non è per interesse; imbroglione, baro, avventuriero, lestofante. ~ truffatore. <> onestuomo, galantuomo. 

\impostùra, sf. 1 L'essere impostore. 2 Atto o detto da impostore; inganno, frode, imbroglio. ~ raggiro. 3 Falsità. ~ menzogna. 
  lat. tardo impostura. 

\impotènte, agg., sm. e sf. agg. 1 Che non ha la possibilità o la capacità di fare una cosa. ~ incapace, inetto. <> abile. 2 Di cosa, inefficiente, inutile. ~ inefficace. <> efficace. 3 Debole, inetto. ~ fiacco. <> potente. 4 Sterile. ~ infecondo. <> fertile. 
agg., sm. e sf. Che, chi è effetto da impotenza sessuale. 
  agg. 1 powerless. 2 (impotenza sessuale) impotent. 

\impotènza, sf. 1 L'essere impotente; inadeguatezza, inattitudine. ~ incapacità. <> capacità. 2 Incapacità di un organo a compiere una funzione. 3 Fiacchezza. ~ debolezza. 4 Incapacità a compiere l'atto sessuale o a riprodurre. ~ sterilità. <> fertilità, virilità. 
  lat. impotentia. 
L'impotenza può essere dovuta all'assenza di libido, oppure nell'uomo alla scarsezza o all'assenza di erezione, nella donna al blocco mediante contrazione muscolare della penetrazione. I motivi possono essere psicologici o fisici. 

\impoveriménto, sm. L'impoverire e l'impoverirsi. ~ immiserimento. <> arricchimento. 

\impoverìre, v. v. tr. 1 Rendere povero o più povero; immiserire. ~ depauperare. <> arricchire. 2 Indebolire, ridurre. ~ rosicchiare. <> irrobustire. impoverire un corso d'acqua
v. intr. e intr. pron. 1 Diventare povero o più povero. ~ dissanguarsi. <> arricchirsi. i campi si impoverivano per la mancanza di acqua. 2 Languire. ~ inaridirsi. 
  v. tr. to impoverish. v. intr. to become poor. 
  da in-+ deriv. da povero

\impraticàbile, agg. 1 Non praticabile. <> praticabile. 2 Non accessibile; inagibile, intransitabile. ~ impervio. <> agibile. 3 Non percorribile. ~ impercorribile. <> agibile. 4 Di persona, intrattabile. ~ scorbutico. <> cordiale. 5 Inattuabile. 
  agg. impracticable. 
  da in-+ praticabile. 

\impraticabilità, sf. L'essere impraticabile e lo stato di ciò che è impraticabile. <> praticabilità. 

\impratichìre, v. v. tr. Rendere pratico, esperto; addestrare, allenare. ~ esercitare. 
v. rifl. Acquistare la pratica necessaria a fare qualcosa, diventare esperto; allenarsi, abituarsi, esercitarsi. ~ addestrarsi. <> disabituarsi. 
  v. tr. to train. 

\imprecàre, v. v. tr. Augurare il male. 
v. intr. 1 Mandare imprecazioni. ~ maledire. 2 Lanciare insulti. ~ inveire. 3 Bestemmiare. 
  v. intr. to curse. 
  lat. imprecari pregare contro. 

\imprecatìvo, agg. Che è un'imprecazione; che contiene un'imprecazione. 

\imprecazióne, sf. 1 L'imprecare. 2 La parola usata per imprecare; bestemmia, invettiva, esecrazione, invettiva, parolaccia. ~ maledizione. 
  lat. imprecatio.-onis, deriv. da imprecari. 

\imprecisàbile, agg. Che non si può precisare, indefinibile. ~ vago. <> precisabile. 

\imprecisabilménte, avv. In modo imprecisabile. 

\imprecisàto, agg. Non precisato, che non si conosce con precisione; indeterminato, vago. ~ indefinito. <> preciso. 
  agg. unspecified. 

\imprecisióne, sf. 1 L'essere impreciso. 2 Mancanza di precisione. ~ inesattezza. <> accuratezza. 3 Ciò che è impreciso. ~ errore. <> esattezza. 

\imprecìso, agg. 1 Che manca di precisione; indeterminato, generico, approssimativo, indefinito. ~ inesatto. <> determinato. 2 Di uno strumento, imperfetto. ~ difettoso. <> preciso. 3 Sfumato, vago, evanescente. ~ indistinto. <> fedele. 

\impregiudicàto, agg. 1 Non pregiudicato. <> pregiudicato. 2 Non ancora deciso, non compromesso. 3 Sul quale la magistratura non si è ancora pronunciata. 
  lat. impraeiudicatus, comp. da in-+ praeiudicatus, p.p. di praeiudicare

\impregnàre, v. v. tr. 1 Rendere pregno, rendere pieno; pervadere, ricolmare. ~ riempire. <> vuotare. 2 Intridere, bagnare, inzuppare. ~ imbevere. <> asciugare. voleva impregnare lo straccio con della benzina per farne una torcia. 3 Ingravidare. 4 Rendere fertile e produttivo. 
v. intr. Diventare gravida. 
v. intr. pron. 1 Essere pervaso. ~ ricolmarsi. 2 Imbeversi, inzupparsi. ~ intridersi. il legno si impregnava sempre più di acqua
  v. tr. to impregnate, to soak. 
  lat. tardo impraegnare, comp. da in-+ praegnare ingravidare. 

\impremeditàto, agg. Non premeditato. 

\imprèndere, v. tr. 1 Accingersi a fare, cominciare. ~ intraprendere. 2 Apprendere. ~ imparare. 

\imprendìbile, agg. Che non si può prendere; inafferrabile. ~ inespugnabile. <> prendibile, conquistabile. 

\imprenditóre, sm. (f.-trìce) 1 Chi imprende. 2 Chi si dedica a un'attività economica autonomamente e con piena responsabilità; impresario. ~ padrone. 
  sm. 1 entrepreneur. 2 (appaltatore) contractor. 
  deriv. da imprendere

\imprenditorìa, sf. La categoria o l'attività degli imprenditori. 

\imprenditoriàle, agg. 1 Di, da imprenditore. 2 Degli imprenditori. 

\imprenditorialità, sf. 1 Il complesso delle capacità e qualità proprie degli imprenditori. 2 L'insieme degli imprenditori. 

\imprenditorialménte, avv. 1 Da imprenditore. 2 Relativamente all'attività imprenditoriale. 

\impreparàto, agg. 1 Non preparato a qualcosa; immaturo. ~ sprovveduto. <> esperto. 2 Che non ha la necessaria preparazione; inesperto, inidoneo, incompetente. ~ ignorante. <> preparato. 3 Colto di sorpresa. 
  agg. unprepared. 

\impreparazióne, sf. Mancanza di preparazione. ~ incompetenza. <> preparazione. 

\imprésa, sf. 1 Ciò che si comincia a fare o si ha intenzione di fare; opera, attività, lavoro, progetto. ~ azione. 2 Azione gravosa e importante. 3 Attività di chi imprende un lavoro commerciale o industriale; ditta, fabbrica, industria, società. ~ azienda. 4 L'ente o la persona che svolge tale attività. ~ ditta. 5 Disegno simbolico negli stemmi nobiliari. 6 Nel medioevo, simbolo che una donna donava al cavaliere perché si impegnasse a difendere il suo onore. ~ ornamento. 
  sf. 1 exploit. 2 (iniziativa) enterprise, undertaking. 3 (azienda) concern, firm, business. 4 (edile) builders. 
Impresa collettiva 
Si dice di un'impresa quando appartiene o è controllata da una collettività di persone. 
Impresa individuale 
Si dice di un'impresa quando appartiene a una sola persona fisica. 
Impresa privata 
Si dice di un'impresa quando appartiene o è controllata da privati. Le imprese private si dividono in collettive e individuali. 
Impresa pubblica 
Quando l'attività imprenditoriale è esercitata da un ente pubblico in regime di diritto privato. Sono imprese pubbliche le aziende municipalizzate, le aziende nazionalizzate, le imprese a partecipazione statale e i monopoli di stato. 

\impresàrio, sm. Titolare di un'impresa specie di spettacolo. 
  sm. 1 manager. 2 (pompe funebri) funeral director. 

\Impresario delle Smirne, L' Commedia di C. Goldoni (1759). 

\Impresario in angustie, L Farsa musicale in un atto di D. Cimarosa, libretto di Diodati (Napoli, 1786). 

\imprescindìbile, agg. Da cui non si può prescindere, fare a meno; inevitabile, irrinunciabile, obbligatorio, vincolante. ~ necessario. <> prescindibile, derogabile, evitabile. 
  agg. not to be ignored. 

\imprescindibilménte, avv. In modo imprescindibile. ~ inderogabilmente. 

\imprescrittìbile, agg. Che non è soggetto a prescrizione. <> prescrittibile. 

\imprescrittibilità, sf. L'essere imprescrittibile. <> prescrittibilità. 

\imprescrittibilménte, avv. In modo imprescrittibile. <> prescrittibilmente. 

\impresentàbile, agg. Indecente, indecoroso, improponibile. ~ vergognoso. <> presentabile. 

\impressionàbile, agg. Che si lascia facilmente impressionare; fragile, eccitabile, influenzabile. ~ emotivo. <> imperturbabile. 

\impressionabilità, sf. L'essere impressionabile. ~ influenzabilità. <> impassibilità. 

\impressionànte, agg. Che produce forte impressione, che incute turbamento, paura; emozionante, toccante, scioccante, sconvolgente. ~ spaventevole. <> rassicurante, distensivo. 
  agg. 1 impressive, upsetting. 2 (spaventevole) awful. 

\impressionàre, v. v. tr. 1 Esercitare un'impressione sull'animo o sulla mente; emozionare, commuovere, scuotere, agitare, toccare, emozionare. ~ turbare. <> rasicurare. li aveva impressionati con quella dimostrazione di abilità. 2 Fissare un'immagine su una lastra o su una pellicola per mezzo dell'azione della luce. 
v. intr. pron. 1 Emozionarsi, eccitarsi, spaventarsi, sbigottirsi, sconvolgersi. ~ turbarsi. è un tipo che si impressiona molto facilmente. 2 Di lastra o pellicola fotografica, subire l'effetto della luce. 
  v. tr. 1 to shock, to impress. 2 (fotog.) to expose. v. intr. pron. to be shocked. 
  deriv. da impressione

\impressionàto, agg. 1 Turbato, spaventato, emozionato. ~ scosso. <> calmo. 2 Che ha subito l'effetto fotochimico della luce. 

\impressióne, sf. 1 L'imprimere, l'imprimersi, l'essere impresso. 2 Segno lasciato dalla cosa impressa; impronta, marchio. ~ segno. 3 L'operazione dello stampare e il modo in cui si stampa. ~ edizione. 4 Effetto prodotto sull'animo o sui sensi da eventi ed emozioni; emozione, turbamento, sbigottimento, stupore. ~ trauma. 5 Percezione, intuizione, presentimento, sentore. ~ sensazione. aveva l'impressione che quella situazione di tranquillità non sarebbe durata per molto. 6 Sensazione di ansia o di paura; raccapriccio. ~ ribrezzo. quei fatti di cronaca nera suscitavano forte impressione. 7 Opinione. ~ avviso. la mia impressione è secondaria rispetto al volere comune. 8 Scalpore. ~ interesse. 
  sf. 1 feeling, impression. 2 (sensazione) sensation. 3 (turbamento) shock. 4 (fare buona impressione) to make a good impression. 
  lat. impressio,-onis, premere contro, sopra, deriv. da impressus, p.p. di imprimere

\impressionìsmo, sm. Movimento artistico francese della seconda metà del XIX sec. Il nome del movimento nacque in seguito alla definizione data a un gruppo di pittori (C. Monet, C. Pizarro, A. Guillaumin, P. Cézanne), che esponevano presso il fotografo Nadar a Parigi, dal critico L. Leroy in un articolo del 1874, a partire dal titolo del quadro di C. Monet Impression: soleil levant. L'impressionismo sviluppò la tecnica pittorica utilizzata da E. Manet nel quadro Le déjouner sur l'herbe del 1863. Si basa sulla rivalutazione di luce e colore rispetto al disegno, sull'abbandono del chiaroscuro e del realismo e sulla predilezione di dipingere all'aria aperta (en plein air), dando rilievo alla sensibilità dell'artista. Successivamente si aggiunsero al gruppo A. Renoir, J. F. Bazille, E. Degas, B. Morisot e A. Sisley. Fino al 1886, anno in cui il gruppo si sciolse, si tennero altre sette mostre. L'impressionismo ha rappresentato la base della pittura moderna. 
Impressionismo musicale 
Nato su ispirazione dell'impressionismo pittorico, ebbe come maggior esponente C. Debussy. Le caratteristiche principali furono l'importanza data alle sensazioni dell'artista, tramite l'abbandono della funzione tonale dell'armonia e delle regole armoniche e l'utilizzo di accordi dissonanti al fine di ottenere atmosfere raffinate, piene di suggestione. Diversi artisti del Novecento seguirono in misura diversa la strada aperta da Debussy. Tra questi compaiono P. Dukan, M. Ravel, A. Roussel in Francia, G. Puccini, G. F. Malipiero in Italia, I. Stravinskij, A. N. Scriabin in Russia. 

\impressionìsta, agg., sm. e sf. (pl. m.-i) agg. Impressionistico. 
sm. e sf. Seguace dell'impressionismo. 

\impressionìstico, agg. (pl. m.-ci) Relativo all'impressionismo, agli impressionisti. 

\imprèsso, agg. 1 Stampato, inciso, scolpito. 2 Rimasto nella mente. ~ incancellabile. 

\imprestàre, v. tr. Dare in prestito. ~ prestare. 
  da in-+ prestare. 

\imprèstito, sm. 1 Ogni elemento linguistico, in maggioranza lessicale, penetrato dall'esterno. 2 Prestito. 

\impreterìbile, agg. Che non può essere trascurato o rinviato. ~ improcrastinabile. 

\imprevedìbile, agg. Non prevedibile; bizzarro, inimmaginabile, bisbetico. ~ strano. <> prevedibile. 
  agg. unforeseeable. 

\imprevedibilità, sf. L'essere imprevedibile. <> prevedibilità. 

\imprevedibilménte, avv. In modo imprevedibile. ~ inaspettatamente. 

\imprevedùto, agg. Non previsto, inatteso. ~ improvviso. 

\imprevidènte, agg. Non previdente, incauto. ~ sconsiderato. <> previdente, accorto. 
  agg. lacking in foresight. 

\imprevidenteménte, avv. In modo imprevidente, inavvedutamente. ~ incautamente. 

\imprevidènza, sf. L'essere imprevidente. 

\imprevìsto, agg. e sm. agg. 1 Inaspettato, inatteso, imprevisto. ~ impreveduto. <> previsto. 2 Improvviso. ~ repentino. <> atteso. 
sm. Caso, evento non prevedibile; incidente, inconveniente. ~ contrattempo. 
  agg. unforeseen, unexpected. sm. accident. 

\impreziosìre, v. v. tr. 1 Rendere prezioso o più prezioso. ~ arricchire. 2 Adornare, abbellire, decorare, infiorare. ~ guarnire. <> spogliare, impoverire. 
v. intr. pron. Diventare prezioso o più prezioso. ~ arricchirsi. 

\imprigionaménto, sm. L'imprigionare, l'essere imprigionato. 

\imprigionàre, v. tr. 1 Mettere in prigione; carcerare, recludere. ~ arrestare. <> rilasciare. 2 Di animale, trattenere in cattività; ingabbiare, rinchiudere. ~ intrappolare. <> liberare. 3 Impedire che qualcuno o qualcosa esca da un luogo. ~ rinchiudere. 4 Impedire di muoversi liberamente; bloccare. ~ trattenere. <> sbloccare. senza il passaporto erano come imprigionati in quello sperduto paese
  v. tr. to imprison. 
  da in-+ deriv. da prigione

\imprigrìre, v. v. tr. Rendere pigro. ~ impoltronire. 
v. intr. e intr. pron. Diventare pigro; impoltronirsi. ~ intorpidirsi. <> attivarsi. 

\imprimàtur, sm. invar. 1 Formula con cui un tempo il vescovo competente autorizzava la stampa di un libro sottoposto a censura ecclesiastica. 2 Approvazione. ~ consenso. 3 Permesso. ~ autorizzazione. 

\imprimé, sm. invar. Stoffa stampata a colori. 

\imprìmere, v. v. tr. 1 Premere in modo da lasciare un'impronta, un marchio, un segno; marcare. ~ segnare. 2 Fermare nella memoria; fissare, scolpire. ~ memorizzare. <> cancellare. aveva impresse ancora quelle ultime parole che gli aveva detto. 3 Di un movimento, dare, trasmettere. ~ comunicare. 4 Stampare. ~ incidere. 5 Dare un carattere distintivo, un contrassegno definito. aveva impresso una certa fisionomia alla sua azienda
v. intr. pron. Fissarsi in modo da lasciare il segno. 
  v. tr. to imprint, to impress, to stamp. 
  lat. imprimere, premere sopra, da in-dentro + premere premere. 

\imprimitùra, sf. Operazione che consiste nel preparare la tela di un dipinto affinché possa prendere meglio lo strato di colore. 

\imprinting, sm. invar. In etologia si intende con questo termine una forma di apprendimento rapida, relativa a caratteristiche visive, acustiche e olfattive, che si verifica durante i primi giorni di vita, soprattutto negli Uccelli nidifughi. In questo modo i piccoli riescono a memorizzare le caratteristiche peculiari dei genitori e della specie. L'imprinting è presente anche nei Mammiferi. 

\improbàbile, agg. Non probabile; difficile, assurdo, inattendibile. ~ illogico. <> probabile. 
  agg. unlikely, improbable. 

\improbabilità, sf. L'essere improbabile. ~ assurdità. <> possibilità. 

\improbabilménte, avv. In modo improbabile. ~ difficilmente. ~ probabilmente. 

\ìmprobo, agg. 1 Disonesto, ingiusto, cattivo. ~ malvagio. 2 Che richiede molta fatica e impegno; duro, arduo, impegnativo. ~ pesante. 
  lat. improbus, comp. da in-negativo + probus onesto. 

\improcedibilità, sf. Condizione di una domanda giudiziale che non può procedere per l'inosservanza delle norme processuali. 

\improcrastinàbile, agg. Che non si può procrastinare; indilazionabile, indifferibile. ~ improrogabile. <> procrastinabile, prorogabile. 

\improcrastinabilità, sf. L'essere improcrastinabile. ~ indilazionabilità. <> differibilità. 

\improducìbile, agg. 1 Che non si può produrre. 2 Che non può essere presentato in giudizio. 

\improduttivaménte, avv. In modo improduttivo. ~ infruttuoso. 

\improduttività, sf. 1 L'essere improduttivo. ~ inefficacia. <> produttivo. 2 Sterilità. ~ infecondità. <> prolificità. 3 Deficit. 

\improduttìvo, agg. 1 Che non produce, che non dà frutto; infecondo, infruttifero. ~ sterile. <> produttivo. 2 Passivo. ~ inefficiente. <> efficiente. 
  agg. unproductive. 

\improferìbile, agg. Che non è lecito, che non conviene dire manifestamente. 

\impromptu, sm. invar. Altra denominazione per l'"improvviso" musicale. 

\imprónta, sf. 1 Segno impresso; orma, impressione. ~ traccia. 2 Segno caratteristico. ~ stile. l'impronta dell'artista è ben evidente nelle sue opere d'arte. 3 Calco, stampa. ~ sigillo. 
  sf. 1 track, sign. 2 (fig.) mark. 3 (digitale) fingerprint. 4 (calco) cast. 
  deriv. da improntare
Impronte digitali
Impronte lasciate dalle creste cutanee delle dita, che hanno una notevole importanza per l'identificazione delle persone. 

\improntàre, v. v. tr. 1 Lasciare un'impronta; marchiare, segnare. ~ imprimere. 2 Eseguire l'impronta di monete e medaglie. ~ coniare. 3 Conferire un tono particolare, dare un'impressione. ~ atteggiare. 4 Leggere ed eseguire la musica senza precedente preparazione. 5 Prestare. 6 Preparare. ~ approntare. 
v. intr. pron. Assumere un tono, un atteggiamento. ~ atteggiarsi. 

\improntàto, agg. 1 Atteggiato. 2 Ispirato. 

\improntitùdine, sf. Insistenza sfacciata e importuna; impudenza, insolenza, sfacciataggine. ~ impertinenza. <> discrezione. 

\imprónto, agg. Mancante di tatto. ~ indiscreto. 

\impronunciàbile, o impronunziàbile, agg. 1 Che non si può o non conviene pronunciare; indicibile, inesprimibile. ~ improferibile. <> dicibile. 2 Impossibile o difficile da pronunciare. <> pronunciabile. 

\impropèrio, sm. Ingiuria, insulto, offesa, affronto. ~ villania. 
  sm. insult. 
  lat. tardo improperium, deriv. da improperare insultare. 

\improponìbile, agg. 1 Che non si può o non conviene proporre; assurdo, impresentabile. ~ inaccettabile. <> proponibile. 2 Di azione giudiziaria improponibile. 

\improponibilità, sf. L'essere improponibile. 

\impropriaménte, avv. 1 In modo improprio; abusivamente, indebitamente. ~ illecitamente. 2 Inesattamente. ~ scorrettamente. 

\improprietà, sf. 1 Mancanza di esattezza nell'esprimersi, di precisione. ~ imprecisione. <> proprietà. 2 Locuzione o vocabolo improprio. 

\impròprio, agg. e avv. agg. 1 Non proprio, che non esprime con proprietà un pensiero; inesatto, impreciso. ~ errato. <> proprio. 2 Che non è usato a proposito; inadatto, inadeguato, inopportuno. ~ sconveniente. <> adeguato. aveva indosso degli abiti impropri a quella circostanza
avv. In modo improprio. 
  agg. 1 improper. 2 (arma) offensive weapon. 
  lat. improprius, comp. da in-+ proprius proprio. 

\improrogàbile, agg. Che non si può prorogare. ~ indilazionabile. <> prorogabile. 
  agg. 1 final. 2 (termine) deadline. 

\improrogabilità, sf. L'essere prorogabile; indifferibilità. <> dilazionabilità. 

\improrogabilménte, avv. In modo improrogabile. 

\impròvvido, agg. Imprevidente, imprudente. ~ incauto. <> prudente. 

\improvvisaménte, avv. 1 In modo improvviso, di colpo, di sorpresa; bruscamente, inaspettatamente, subitamente. ~ repentinamente. 2 Ecco. 
  avv. unexpectedly, suddenly. 

\improvvisàre, v. v. tr. 1 Dire, comporre all'improvviso, senza preparazione. <> preparare. 2 Allestire in fretta. 
v. rifl. Dedicarsi a un'attività o a un ruolo ai quali non si è preparati. 
  v. tr. e intr. to improvise. v. rifl. to turn oneself. 
  deriv. da improvviso. 

\improvvisàta, sf. Sorpresa piacevole. 
  sf. surprise. 

\improvvisàto, agg. 1 Composto senza preparazione. ~ estemporaneo. <> preparato. 2 Allestito in fretta. 3 Di cosa fatta in fretta e in modo approssimativo; approssimativo, affrettato. ~ raffazzonato. <> curato. 

\improvvisatóre, sm. (f.-trìce) Chi improvvisa con facilità e abilità 

\improvvisazióne, sf. L'improvvisare e l'effetto; estemporaneità, raffazzonamento, faciloneria. ~ approssimazione. 

\improvvìso, agg., avv. e sm. agg. 1 Inatteso, imprevisto. ~ inaspettato. <> atteso. 2 Istantaneo, estemporaneo, repentino, brusco. ~ subitaneo. <> calcolato. 
avv. Improvvisamente. ~ inaspettatamente. <> aspettato. 
sm. Composizione a soggetto originale creata senza precedente preparazione. 
  agg. 1 sudden. 2 (inaspettato) unexpectedly. 3 (all'improvviso) suddenly. 
  lat. improvisus, comp. da in-+ provisus, p.p. di providere prevedere. 

\imprudènte, agg., sm. e sf. agg. 1 Che non considera i rischi o i pericoli; temerario. ~ audace. <> accorto. 2 Non prudente; azzardato, sventato, impulsivo, incauto, sconsiderato. ~ avventato. <> prudente. 
sm. e sf. Persona imprudente. 
  imprudent, rash, unwise. 
  lat. imprudens,-entis. 

\imprudenteménte, avv. In modo imprudente, sconsideratamente. ~ avventatamente. <> prudentemente. 

\imprudènza, sf. 1 L'essere imprudente; leggerezza, imprevidenza. ~ temerarietà. <> prudenza. 2 Atto o detto imprudente. ~ sciocchezza. 
  lat. imprudentia. 

\Imprunéta Comune in provincia di Firenze (15.028 ab., CAP 50023, TEL. 055). Centro agricolo (coltivazione di olive, cereali e uva), dell'artigianato della terracotta e industriale (prodotti meccanici, dell'abbigliamento e chimici). Vi si trova il santuario di Santa Maria, dell'XI sec., contenente un altare di Luca della Robbia costruito in terracotta. Gli abitanti sono detti Imprunetani

\impùbere, agg., sm. e sf. Che, chi non è ancora giunto alla pubertà. 

\impudènte, agg., sm. e sf. Senza pudore, sfacciato, svergognato, spudorato. ~ sfrontato. <> rispettoso, reverente. 
  agg. impudent. 

\impudenteménte, avv. In modo impudente. ~ sfacciatamente. 

\impudènza, sf. L'essere impudente, insolenza. ~ impertinenza. 
  lat. impudentia. 

\impudicìzia, sf. 1 Mancanza di pudicizia. ~ indecenza. 2 Atto o detto impudico. ~ oscenità. 
  lat. impudicitia, deriv. da impudicus

\impudìco, agg. (pl. m.-chi) Che rivela mancanza di pudore, che offende il pudore; immorale, lascivo, osceno, inverecondo. ~ indecente. <> pudico. 
  agg. immodest. 
  lat. impudicus, comp. da in-negativo + pudicus. 

\impugnàbile, agg. Che si può impugnare; contestabile. ~ discutibile. <> incontestabile. 

\impugnabilità, sf. L'essere impugnabile. ~ oppugnabilità. <> inconfutabilità. 

\impugnànte, sm. e sf. Chi propone un'impugnazione. 

\impugnàre, v. tr. 1 Stringere nel pugno. ~ brandire. dovevano impugnare le armi, dovevano combattere. 2 Stringere, afferrare. ~ tenere. <> lasciare. 3 Avversare, confutare, denunciare, oppugnare. ~ contestare. <> accettare. 4 Domandare il riesame di un processo, la riforma di un provvedimento. ~ fare ricorso. impugnò la validità del matrimonio
  v. tr. 1 to grasp. 2 (dir.) to contest. 
  da in-+ deriv. da pugno; nel significato 4) dal lat. impugnare, combattere contro, comp. da in-+ pugnare combattere. 

\impugnatìva, sf. Azione, ricorso che tende a impugnare, a invalidare una sentenza, un atto. 

\impugnatìvo, agg. Che vale a impugnare. 

\impugnatóre, sm. (f.-trìce) Chi impugna, contesta, si oppone. 

\impugnatùra, sf. 1 La parte che serve a stringere in mano una cosa; manico. ~ manopola. 2 L'atto e il modo di impugnare. 3 Di vaso, ansa. 4 Di arma, elsa. ~ guardia. 
  deriv. da impugnare. 

\impugnazióne, sf. In diritto indica un mezzo giuridico messo a disposizione delle parti dalla legge per ottenere che una sentenza emessa in una prima istanza possa essere rivalutata a proprio vantaggio. Con questo termine si intende inoltre la possibilità di modifica o di eliminazione di un atto giuridico, come un contratto o un matrimonio, ottenuto per errore con il dolo o con la violenza. 

\impulsióne, sm. 1 Spinta che si esercita su un corpo facendolo muovere. 2 Impulso. ~ spinta. 

\impulsivaménte, avv. In modo impulsivo, irriflessivamente. ~ istintivamente. 

\impulsività, sf. 1 L'essere impulsivo. 2 Carattere impulsivo. ~ istintività. 

\impulsìvo, agg. e sm. agg. 1 Che imprime impulso, che spinge. 2 Di persona che agisce per impulso, irriflessivo, avventato. ~ precipitoso. <> riflessivo. 
sm. Persona impulsiva. 
  agg. impulsive. 

\impùlso, sm. 1 La spinta a muoversi che un corpo comunica a un altro. ~ avvio. 2 Spinta, stimolo, molla, pungolo. ~ incitamento. 3 Spinta ad agire istintiva e irriflessa; istinto, slancio, impeto. ~ inclinazione. <> ritegno. 4 Impulso nervoso. 5 Incentivo, incremento. ~ sviluppo. 
  sm. impulse. 
  lat. impulsus,-us, deriv. da impulsus, p.p. di impellere spingere. 
Impulso meccanico 
In meccanica è dato dal prodotto della forza F che agisce su un punto materiale per il tempo nel quale agisce. La formula è I = Ft se la forza è costante e dI = F dt se la forza non è costante nel tempo. 
Impulso di corrente 
Rappresenta la quantità di elettricità in un intervallo di tempo; è dato da i dt
Impulso di tensione 
Rappresenta un flusso di induzione magnetica in un intervallo di tempo; è dato da v dt

\impùne, agg. Impunito. 

\impuneménte, avv. Senza rischio, pena o danno. 
  avv. scot-free. 

\impunìbile, agg. Non punibile. 

\impunibilità, sf. Possibilità previste dalle legge di non punibilità. 

\impunità, sf. 1 L'essere impunito. 2 Esenzione da pena. ~ immunità. ~ condannabilità. 
  lat. impunitas,-atis. 

\impunìto, agg. Non punito, esente dalle conseguenze penali. 

\impuntaménto, sm. Malfunzionamento che si verifica nelle macchine utensili per la lavorazione del metallo quando l'angolo di spoglia superiore non è quello giusto. 

\impuntàre, v. v. intr. 1 Urtare con la punta. ~ inciampare. 2 Incespicare nel parlare. 3 Balbettare. 
v. intr. pron. 1 Puntare i piedi rifiutando di procedere. ~ fermarsi. <> camminare. 2 Ostinarsi caparbiamente; intestardirsi, fissarsi. ~ incaponirsi. <> demordere. 
  v. intr. pron. to stick obstinately. 

\impuntàrsi, v. intr. pron. 1 Rifiutarsi di procedere. 2 Accanirsi con ostinazione contro qualcosa. 3 Fermarsi in un luogo opponendo resistenza a ogni tentativo di essere trascinato. 

\impuntatùra, sf. L'impuntare, l'impuntarsi. ~ ostinazione, cocciutaggine. 

\impuntigliàrsi, v. intr. pron. Ostinarsi con cocciutaggine. 

\impuntìre, v. tr. 1 Cucire materassi, guanciali o altro con punti distanziati e passanti da una parte all'altra in modo da fermare l'imbottitura. ~ trapuntare. 2 Unire due strati di panno, cuoio o altro con punti fitti. 

\impuntitùra, sf. L'operazione dell'impuntire. 

\impuntùra, sf. Cucitura con punti regolari e che si esegue facendo rientrare l'ago nel foro dal quale è uscito. 

\impunturàre, v. tr. Cucire o rifinire con impunture. 

\impupàrsi, v. intr. pron. Diventare pupa. 

\impuraménte, avv. In modo impuro. 

\impurità, sf. 1 L'essere impuro; sporcizia, lordura. ~ sozzura. <> pulizia. 2 Cosa che manca di purezza; immoralità, sconcezza. ~ castità. <> purezza. 3 Cosa che rende impuro. 4 Di linguaggio, improprietà. 
  lat. impuritas,-atis. 

\impùro, agg. 1 Di elemento, puro, non alterato da altre sostanze o elementi; sporco, torbido, viziato. ~ inquinato. <> puro. 2 Non casto; immorale, corrotto, impudico, immondo. ~ peccaminoso. <> casto. sentiva di avere nella testa dei pensieri impuri quando stava con lei. 3 Della lettera s quando è seguita da un'altra consonante. 
  lat. impurus, comp. da in-+ purus puro. 

\imputàbile, agg., sm. e sf. agg. 1 Che si può o si deve imputare con ragione. ~ ascrivibile. 2 Di persona, che si può ritenere responsabile di qualcosa. ~ accusabile, passibile. 
agg., sm. e sf. Che, chi può essere punito per un reato. 

\imputabilità, sf. In diritto è la condizione in virtù della quale una persona che ha commesso un reato può essere punita. Condizione necessaria per l'imputabilità di una persona è che la stessa sia in grado di intendere e di volere. In mancanza di questo prerequisito non vi è imputabilità. L'imputabilità è una condizione immutabile fino a che la condanna non sia stata applicata o la sentenza di non luogo a procedere non sia più soggetta a impugnazione. 

\imputàre, v. tr. 1 Promuovere un'azione penale contro qualcuno. ~ incriminare. <> assolvere. fu imputato di alto tradimento. 2 Incolpare. ~ accusare. <> discolpare. non devi imputare altri delle tue responsabilità. 3 Conteggiare. 4 Attribuire a qualcuno la responsabilità di un fatto; ascrivere, addebitare, attribuire. ~ assegnare. <> scagionare. 
  v. tr. to attribute. 
  lat. imputare, comp. da in-+ putare computare. 

\imputàto, agg. e sm. agg. 1 Incriminato; incolpato. ~ accusato. 2 Attribuito. ~ ascritto. 
sm. Chi in un processo penale viene accusato di aver commesso un reato. ~ accusato. 
  agg. accused, charged. sm. accused, defendant. 

\imputazióne, sf. 1 L'imputare. 2 Accusa. ~ incriminazione. 
  sf. imputation, charge. 
  lat. tardo imputatio,-onis, deriv. da imputare. 

\imputrescìbile, agg. Che non può imputridire. 

\imputridiménto, sm. L'imputridire. 

\imputridìre, v. v. tr. Rendere putrido. 
v. intr. 1 Diventare putrido; decomporsi, infradiciare, marcire. ~ putrefarsi. 2 Guastarsi. ~ corrompersi. 
  v. intr. to rot. 

\impuzzìre, v. v. tr. Rendere puzzolente. 
v. intr. Assumere un cattivo odore. 

\impuzzolentìre, v. tr. Rendere puzzolente. ~ impuzzire. 

\impuzzolìre, v. v. tr. Impuzzolentire. 
v. intr. Prendere un cattivo odore. 

\IMQ Sigla di Istituto del Marchio di Qualità. 

  indice     >>>